Ultim'Ora

Calcio. Il Foggia batte il Pontedera e supera il turno di Tim Cup

Chiricò (foto) ndr.
di Mario Schena - Redazione Sportiva

FOGGIA, 31 LUG . - Il Foggia domina e batte il Pontedera passando al secondo turno della Tim Cup. Calcio vero allo Zaccheria dopo quarantanove giorni da quello sciagurato pomeriggio di giugno quando a festeggiare la promozione in B sono stati Rino Gattuso ed il suo Pisa. In un a serata torrida di fronte per il primo turno della Tim Cup Foggia e, guarda caso, città in provincia di Pisa. La vincente incontrerà l´Hellas Verona venerdì 5 agosto alle ore 21, con partita che dovrebbe essere trasmessa in diretta da RAI Sport 1. Festa sabato sera allo "Zaccheria" per la presentazione del Foggia edizione 2016/2017. Curiosità per i nuovi acquisti Guarna, Martinelli, Empereur, Tito, Agazzi e Letizia. Assente giustificato l´attaccante Padovan, impegnato nel "Jeep Tour" della Juventus in Australia ed a Honk Kong. Per la gara di Tim Cup non sono stati convocati i nuovi arrivi Sanchez ed Empereur, entrambi per problemi burocratici e Sarno che, non avendo potuto svolgere a pieno la preparazione a causa di alcuni problemi che si trascina dalla passata stagione deve ancora raggiungere la forma migliore. Indisponibili anche Sainz-Maza, infortunatosi durante il ritiro di Rivisondoli ad un ginocchio e Vacca, squalificato per un mese per le frasi rivolte in sala stampa dopo Foggia-Benevento. Arbitro dell’´incontro il Sig. Riccardo Panarese di Lecce, coadiuvato dagli assistenti Sigg. Gianluigi Di Stefano e Pierluigi Mazzei, entrambi della sezione di Brindisi. Nonostante la serata torrida buona l’affluenza del pubblico. Prima dell’inizio della gara osservato un minuto di raccoglimento per le vittime dell’incidente ferroviario avvenuto tra le stazioni di Andria e Corato. Foggia subito all’attacco e subito in vantaggio al terzo minuto con un gol di alta scuola siglato da Chiricò che dal limite dell’area fa partire un tiro che toglie le ragnatele dall’incrocio dei pali della porta di Citti. Entusiasmo in campo e sugli spalti ed il Foggia ci prende gusto cercando, due minuti dopo, con un pallonetto da centrocampo di Riverola il gol spettacolo. Il Pontedera è squadra vivace e punge con qualche ripartenza. Non accade nulla fino al ventitreesimo quando Coletti con una punizione calciata da posizione centrale colpisce in pieno la traversa con un siluro che sibila sopra la barriera, sugli sviluppi dell’azione letizia impegna Citti con un rasoterra deviato dal portiere toscano in angolo. Poco dopo la mezzora bella percussione di Letizia che opera uno scambio con Riverola e si incunea in area, bravo Citti all’uscita in tuffo a chiudere la punta rossonera. Ci prova il Pontedera a dar fastidio al Foggia e dopo una buona azione sulla destra Calcagni ci prova in rovesciata mandando però sul fondo. Il Foggia perde un po’ di smalto, affiora un po’ di stanchezza e per una sua ingenuità in fase difensiva il Pontedera trova il gol del pareggio al trentottesimo con Santini bravo ad incunearsi in area e scavalcare Guarna con un pallonetto. Si va al riposo sull’uno ad uno dopo un minuto di recupero. Stessa formazione per il Foggia ad inizio di ripresa, ma Pontedera più intraprendente. Al settimo minuto Riverola lancia splendidamente Chiricò in area, la punta foggiana va a rete, ma viene contrastato dal suo marcatore e termina a terra, per il signor Panarese non ci sono gli estremi per il calcio di rigore e Agnelli per proteste si becca il cartellino giallo. Il Foggia spinge ed il Pontedera non lesina gli interventi sull’uomo piuttosto decisi. Al quarto d’ora ancora una ottima occasione per il Foggia con Agnelli che si incunea in area, il capitano rossonero potrebbe tirare, ma opta per il traversone dal fondo che viene rinviato sulla linea di porta. Ci prova ancora Chiricò, ma questa volta il suo tiro non prende il giro giusto e si spegne sul fondo. Ancora un traversone dalla linea di fondo, questa volta di Angelo viene spedito alla disperata in angolo. Il pallino del gioco è in mano al Foggia che costruisce molto, ma non finalizza per la mancanza evidentissima del terminale offensivo al centro dell’area. Dentro Viola, un centravanti di ruolo, ed arriva il gol del vantaggio al minuto numero ventotto. La punta rossonera riceve palla al limite dell’area servitagli con uno splendido colpo di tacco da Arcidiacono, anche lui subentrato nella ripresa a Letizia, e se ne va a rete infilando Citti in uscita. Vantaggio meritato e sigillo del tre a uno al quarantatreesimo ancora di Viola con uno splendido sinistro a giro che si è infilato alla destra dell’incolpevole numero uno granata. Tre i minuti di recupero concessi dove non accade più nulla. Finisce tre ad uno per il Foggia Risultato giusto e vittoria meritata. Ora il cinque di agosto i rossoneri saranno ospiti al “Bentegodi” del Verona che nella passata stagione li eliminò dalla Tim Cup, ma gli scaligeri erano in A.





Nessun commento