Ultim'Ora

Molfetta (Ba). Gianna Nannini: un concentrato di energia

Gianna Nannini in  concerto. (foto P.C:) ndr.

di Paola Copertino

MOLFETTA (BA), 16 AGO. - Giubbotto di pelle rossa, maglietta nera, jeans skinny, una sciarpa bianca per proteggersi dal forte vento e grinta inesauribile: così si è presentata sul palco di Molfetta, maestoso, per la tappa del suo “ History Tour” Gianna Nannini. La Banchina San Domenico ha ospitato la rocker più amata d’Italia, che ha fatto cantare a squarciagola i tantissimi fan giunti anche da molto lontano per assistere a questo attesissimo appuntamento. Il concerto rientra nel cartellone estivo della Rassegna Luci e Suoni a Levante della Fondazione Valente, che si svolge sotto l'egida del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, con il patrocinio del Comune di Molfetta. Gianna Nannini ha intonato le sue canzoni più famose e che ne fanno una icona della musica: America, Ragazzo dell’Europa, Ciao amore ciao, Hey bionda, Fotoromanza, I maschi, Amica mia, Ti voglio tanto bene, Lontano dagli occhi, Amandoti, Bello e impossibile, Latin lover, Sei nell’anima, Meravigliosa creatura, Un’estate italiana. Ha scherzato con il pubblico di casa omaggiando Molfetta, inserendo il suo nome in una canzone e facendo battute sul forte vento che le ha creato qualche problema audio. Cambia tono e genere, più intimista con: "Ciao Amore" di Luigi Tenco, "Dio è morto" di Francesco Guccini, "L'immensità" di Don Backy e "Lontano dagli occhi" di Sergio Endrigo, ma regala altre emozioni che arrivano dritte al cuore. L’ interprete scatenata domina il palco, gioca con la sua sciarpa, si dimena coinvolgendo i bravissimi musicisti, ripercorrendo quaranta anni di carriera e di successi in musica. All’ inizio tutti seduti, ma era impossibile assistere ad un concerto del genere e non scatenarsi; infatti lei stessa quando ha visto che le forze dell’ ordine e il personale preposto alla sicurezza bloccavano i fan, ha invitato, pur nel rispetto dell’ altro, a godere della serata e a divertirsi. Il pubblico, composto da tutte le fasce di età allora si è avvicinato sotto il palco immortalando l’ artista, operazione non facile, visto che saltava peggio di un grillo,dimostrando una carica veramente non comune. La sua energia ha riscaldato una serata di agosto piuttosto fredda, ma calda grazie all’ entusiasmo sprigionato. Cambio di giacca per la Nannini che ha sfoggiato un giubbottino zebrato molto graffiante, nel suo stile rock. La star poi ha concesso il bis con: "Meravigliosa creatura", "L'immensità" e "Notti magiche" indossando una felpa tricolore e infiammando gli animi di tutti i presenti. Ha poi voluto ringraziare chi ha reso questo tour memorabile: Davide Tagliapietra e Thomas Festa alle chitarre, Moritz Müller alla batteria, Daniel Weber al basso, Will Medini alla tastierista, pianoforte e programmazioni, impreziosito dalle voci delle coriste Isabella Casucci e Anna Camporeale. Uno straordinario live show che ha reso unica e indimenticabile una notte di agosto regalando a Molfetta emozioni in musica.





Nessun commento