Ultim'Ora

Bari. Il Premier Renzi a Bari per l'inaugurazione dell"80esima edizione della Campionaria barese

Una immagine della conferenza. (foto M. C.) ndr.

di Maria Caravella

BARI, 11 SETT. - Mentre fuori dai cancelli dello spazio fiera protestava un gruppo di insegnanti di nuova nomina contro i criteri di assegnazione delle cattedre; Matteo Renzi si recava dopo l'inaugurazione del nuovo ponte nord sud, allo Spazio Sette della fiera del Levante per inaugurare l’edizione 2016 della Campionaria barese, ormai giunta alla sua ottantesima edizione e firmare poi con Michele Emiliano il patto per la Puglia. Antonio Decaro è stato il primo ad argomentare in merito a questo storico evento: “Buon compleanno Fiera del Levante! Elegante e discreta signora senza età capace ancora di emanare fascino nel sedurre i numerosi visitatori. Ma ahimè! Dopo 80 anni ci vuole il coraggio di cambiare”. Sono questi i contenuti strutturali del discorso del sindaco di Bari , il quale ha dedicato un commosso ricordo alle vittime del sisma del 24 agosto e alla tragedia ferroviaria che ha colpito la Puglia lo scorso 12 luglio. Da rivalutare è sicuramente l'Innovazione, la crescita e lo sviluppo realizzatesi anche grazie alla cultura, con i 41 comuni del barese che si sono uniti per partecipare al bando Mibact. Decaro compiaciuto delle soddisfazioni provenienti dal ruolo di sindaco metropolitano, si sofferma su problematiche importanti come l'amore nel suo significato più profondo, l'integrazione e la solidarietà, ricordando la prima unione civile, tra Adele e Nicoleta, avvenuta la scorsa settimana a Bari, come chiave per costruire un’Europa unita e senza barriere, perché come si diceva già nel 1997, “A Bari nessuno è straniero”, ha sottolineato anche il grande cuore e la solidarietà del popolo barese che in questi ultimi tempi pensando al terremoto e alla strage della ferrovia Bari nord non sono mancati. Il Presidente della Regione Puglia invece si è soffermato molto a parlare di Turismo e delle nuove opportunità che questo può portare alla nostra regione specie alla luce delle numerose presenze in Puglia nell'ultima stagione estiva. Si è soffermato anche su spesa sanitaria, occupazione, TAP e AQP, mobilità dei precari e anche un doveroso e commosso ricordo a Guglielmo Minervini. Applauditissimo Michele Emiliano ha raccontato la sua Puglia, sottolineando la fondamentale importanza di collaborazione tra Regione e Governo e le straordinarie opportunità di crescita di tutta la nazione. Anche lui si è soffermato sul tema dell' inclusione sociale e il Reddito di Dignità e soprattutto la volontà di promuovere le piccole e medie imprese per garantire un’occupazione nel mondo dell’innovazione. "In Italia c'è troppa frammentazione delle competenze, bisognerebbe creare invece una promozione internazionale”. Renzi parla di un Mezzogiorno deindustrializzato e per quanto riguarda il turismo sottolinea l’importanza della creazione di infrastrutture che riescano a destagionalizzzare l’offerta delle vacanze in Puglia. Renzi ha concluso dicendo: “Cari pugliesi, abbiamo una sfida difficile davanti a noi, ma abbiamo anche una grande forza: possiamo essere protagonisti del mondo che cambia. Buona Fiera a tutti”. La chiusura della cerimonia ha poi sancito la firma del Patto per la Puglia tra Renzi ed Emiliano, affinché lo sviluppo del Mezzogiorno possa partire con la nascita di una nuova, fiorente, era della Fiera del Levante. 





Nessun commento