Ultim'Ora

Bari. Servizi di contrasto al fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti: un arresto e due denunce della Polizia

Un arresto e due denucie della Polizia. (foto P.S.) ndr.

di Redazione

BARI, 28 SETT. (C. St.) - Ieri pomeriggio, a Bari, la Polizia di Stato ha tratto in arresto Gianni Lorusso, 35enne con precedenti di polizia, perché ritenuto responsabile di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. I poliziotti della Squadra Volante, durante l’espletamento di specifici servizi di controllo a persone sottoposte alla misura degli arresti domiciliari, hanno notato dei movimenti sospetti nei pressi dell’abitazione del 35enne ed hanno deciso di effettuare una perquisizione domiciliare con l’ausilio dei cani antidroga del Nucleo Cinofili della Polizia di Stato. L’uomo, già agli arresti domiciliari per reati inerenti lo spaccio di sostanze stupefacenti, celava nella propria abitazione 55 gr. di cocaina, 125 gr. di hashish e 73 gr. di marijuana. La sostanza stupefacente, nascosta sotto il bidet e nel vano ascensore, è stata sottoposta a sequestro unitamente ad un bilancino di precisione nella disponibilità dell’arrestato. Dopo le formalità di rito l’uomo è stato associato presso la locale Casa Circondariale, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. 

- Sempre ieri pomeriggio, i poliziotti in servizio presso il Commissariato Sezionale di P.S. San Paolo, transitando lungo viale delle Regioni, hanno proceduto al controllo di due giovani 19enni che destavano sospetto; sottoposti a perquisizione personale sono stati trovati in possesso di 14 gr. di marijuana suddivisa in 7 dosi, celate all’interno degli slip e di un pacchetto di sigarette, e della somma di 140,00 euro. Successivamente gli agenti hanno esteso la perquisizione alle abitazioni dei due ed in un appartamento, nascosti in un mobile d’arredo del bagno, hanno rinvenuto e sequestrato ulteriori 7 gr. di marijuana suddivisa in tre dosi. La sostanza stupefacente ed il denaro contante sono stati sequestrati mentre i due giovani sono stati deferiti in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. 

- Domenica notte, a Barletta, la Polizia di Stato ha tratto in arresto un 47enne con precedenti di polizia perché ritenuto responsabile di evasione dagli arresti domiciliari, stalking, lesioni personali e violazione di domicilio. L’uomo, già sottoposto alla misura degli arresti domiciliari presso l’abitazione dei suoi genitori per reati in materia di stalking, si è recato presso l’ex casa coniugale e, dopo essere entrato utilizzando una copia delle chiavi dell’appartamento in suo possesso, si è dapprima portato in camera da letto dove ha picchiato l’ex moglie, sorpresa nel sonno, e successivamente in una stanza in cui riposava il fratello della donna che è stato colpito con diversi pugni al volto; l’aggressione si è consumata sotto gli occhi del figlio 14enne della coppia. Messo in fuga dall’intervento di alcuni condomini, l’arrestato è stato fermato dai poliziotti del locale Commissariato di P.S. ed è stato condotto presso la Casa Circondariale di Trani, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.





Nessun commento