Ultim'Ora

Grumo Appula (Ba). Violenza sessuale su invalida. I carabinieri arrestano  l’autore [CRONACA DEI CC. ALL'INTERNO] [VIDEO]

Un arresto dei cc. a Grumo per violenza. (foto cc.) ndr.

di Redazione

GRUMO APPULA (BA), 2 SETT. (C. St.) - I Carabinieri della Stazione di Grumo Appula (BA) hanno tratto in arresto un trentunenne del luogo perché ritenuto il responsabile del tentativo di una brutale violenza sessuale ai danni di una donna del posto. Il fatto risale al 3 giugno scorso. L’uomo è stato individuato in seguito alle indagini fatte dai Carabinieri della Compagnia di Modugno e dai militari della Stazione di Grumo Appula. La notte del 3 giugno scorso perveniva sull’utenza 112 dei Carabinieri la richiesta di aiuto da parte di una donna che riferiva di essere rimasta vittima di un tentativo di violenza sessuale e di essere stata aggredita fisicamente. Le immediate indagini, avviate subito dopo il fatto, hanno consentito di verificare che un uomo, dall’apparente età di 30-35 anni, approfittando della temporanea apertura della porta d’ingresso dell’appartamento ove abitava la vittima, si introduceva fraudolentemente all’interno e aggrediva la donna, che tra l’altro era una invalida civile per problematiche motorie, tentando di avere un rapporto sessuale con lei. La strenua resistenza della donna e le sue grida facevano desistere l’uomo dal suo intento non prima però di averla brutalmente aggredita con pugni al volto ed al capo. Le indagini successive hanno permesso di risalire all’autore del grave fatto anche grazie ad un particolare emerso vagliando i profili Facebook dei sospettati. Infatti su uno di questi profili, che poi si è rivelato essere il profilo dell’autore della violenza, l’uomo indossava un paio di scarpe che è stato con dovizia di particolari descritto da un testimone sentito dai Carabinieri e trovato durante una perquisizione in casa dell’arrestato. L’arrestato, cui è stato notificato un provvedimento di custodia cautelare richiesto dalla Procura della Repubblica ed emesso dal GIP del Tribunale di Bari, e’ stato associato presso la Casa Circondariale di Bari, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. 

MINERVINO MURGE (BT): INONDAZIONE DELLA S.P. 115. I CARABINIERI SALVANO UN’INTERA FAMIGLIA 

Un forte acquazzone estivo è stato la causa della disavventura di una famiglia lussemburghese, composta da una giovane coppia di coniugi e due figli piccolissimi di 5 mesi e 2 anni avvenuta, nella tarda serata del 31 agosto sulla S.P. 115, ovvero il tratto stradale che unisce Minervino Murge (BT) con Montemilone (PZ). Sfiorata una tragedia. Solo l’intervento di una pattuglia di coraggiosi Carabinieri ha evitato che l’intera famiglia annegasse travolta dalla piena. La famigliola di turisti, infatti, mentre si trovava a bordo della propria autovettura è stata letteralmente travolta da un’ondata di fango e detriti che la copiosa pioggia aveva fatto sversare sulla carreggiata, impedendone la marcia e, di fatto, bloccando all’interno del veicolo gli occupanti, impossibilitati ad uscire per via della fiumana in pieno flusso. Provvidenziale, a quel punto, è stata la telefonata al 112NUE da parte del papà: attraverso alcune indicazioni, piuttosto sommarie ma comunque sufficienti per indirizzare i militari, la Centrale Operativa della Compagnia di Andria è riuscita ad azionare la pattuglia della Stazione CC di Minervino Murge, in servizio perlustrativo in quella zona e, dopo poco, a raggiungere i malcapitati. Nella circostanza, gli operanti, dopo aver estratto dal veicolo gli occupanti, con non poca difficoltà, atteso il visibile stato di agitazione nel quale versavano e l’apprensione per i bambini e averli messi in condizioni di sicurezza, provvedevano ad allertare i Vigili del Fuoco per la chiusura della strada e la rimozione dell’autovettura, nonché a fornire assistenza ai malcapitati, portati all’interno della Caserma per trovare riparo e un po’ di conforto.






Nessun commento