Ultim'Ora

Molfetta (Ba). I remi per costruire ponti ed unire sponde. Il messaggio e l’ augurio di Mons. Cornacchia

Mons. Domenico Cornacchia. (foto M. Spadavecchia) ndr.

di Paola Copertino

MOLFETTA (BA), 1 SETT. - Dopo 36 anni, l’ultimo era stato don Tonino, un vescovo parteciperà all’ Hoboken Italian Festival, la festa gemella in onore della Madonna dei Martiri. Grande gioia è stata espressa da Mons. Domenico Cornacchia, veramente emozionato davanti alle telecamere mentre racconta della felicità del viaggio che lo attende fra pochi giorni. Grande fede ha la comunità molfettese residente nel New Jersey, la quale mantiene salde le tradizioni e l’amore per la Madonna dei Martiri che ha trasmesso di generazione in generazione e che unisce gli Oceani. Il vescovo ha poi augurato ai nostri connazionali che vivono all’ estero di poter godere dei frutti di quanto hanno seminato. Si è però detto un po’ spaesato in quanto don Giuseppe De Candia che avrebbe dovuto accompagnarlo in questa meravigliosa avventura, non sarà con lui a causa di un piccolo problema di salute che lo costringerà a posticipare il viaggio negli States. E’ stata quindi una simpatica festa, quella tenutasi presso la Lega Navale di Molfetta, alla presenza del Vescovo, di autorità istituzionali, del presidente del sodalizio Felice Sciancalepore, attorniato dai soci di tutte le età, da Roberto Pansini dell’associazione Oll Muvi, promotrice dell’ evento, da nonno Franco, il nonno di Cake Boss, da don Giuseppe De Candia, presidente emerito dell’ Associazione Molfettesi nel Mondo e dagli appartenenti all’ Associazione Eredi della Storia. La finalità di questo incontro era la benedizione dei remi che attraverseranno l'oceano per raggiungere gli States, dopo che i soci della Lega li hanno sapientemente restaurati e decorati con i colori della bandiera italiana. Ai remi è legata la tradizione della Madonna dei Martiri; i pescatori bussano proprio con i remi al portone della Basilica prima dell’ uscita della processione; in passato i remi erano utilizzati dalle bilancelle che trasportavano il simulacro proprio nei pressi del Santuario. Gli stessi a giugno verranno adoperati in America, unendo così il culto di Maria e gli oceani. Molto simpatico, denso di buonumore l’ intervento di don Giuseppe De Candia che, nonostante gli acciacchi nel fisico, ha sollevato il morale di tutti i presenti con aneddoti e battute. Mons. Cornacchia invece contemplava la bellezza del panorama e della location a metà strada fra il Duomo e la Basilica della Madonna dei Martiri, scenario pittoresco per lui che viene dalla Murgia. Per il Vescovo quella in America è una vera e propria visita pastorale alla comunità molfettese in cui ripone speranze e sogni. Momento clou della serata la benedizione dei remi da parte di Mons. Cornaccchia, che hanno fatto da splendida scenografia a vescovo e soci, immortalati dai flash dei fotografi, mentre venivano alzati al cielo. Non è mancato nemmeno il giro sulla lancia “ Invictus”, imbarcazione della Lega Navale da poco varata, da parte del Vescovo che è stato omaggiato anche del crest con il simbolo del sodalizio che questo anno festeggia i 45 anni di vita. Come tutte le feste che si rispettano, non poteva mancare il taglio della torta, dolce splendido realizzato da Patrizia De Pinto, appassionata di pasticceria e cake design che ha riprodotto ancora, bandiere italiana ed americana, remi e i simboli della marineria suscitando la curiosità e il plauso di tutti i presenti per la bellezza, oltre che bontà della sua creazione. Con il brindisi finale si è concluso questo momento di fratellanza che anticipa i festeggiamenti per la nostra patrona, la Madonna dei Martiri.





Nessun commento