Ultim'Ora

Palo del Colle (Ba). Venti quintali di mandorle rubati nelle campagne. I ladri in fuga sparano colpi d'arma da fuoco

Le campagne di Palo. (foto com.) ndr.

di Massimo Resta 

PALO DEL COLLE (BA), 5 SETT.  - Non solo furti di uva, olive e gasolio ma anche di mandorle. Come a Palo del Colle, dove ignoti la notte scorsa hanno rubato nelle locali campagne ben venti quintali di mandorle, esplodendo nella fuga anche alcuni colpi d'arma da fuoco per assicurarsi che nessuno li seguisse per cercare di fermarli. L'episodio, in una regione seconda solo alla Sicilia per la mandorlicoltura, ripropone ancora una volta il problema della sicurezza nelle campagne del barese, dove i ladri prendono di mira vigneti, uliveti e mandorleti coltivati con grande spirito di sacrificio dai produttori agricoli della provincia. Necessario, dunque, da parte delle forze dell'ordine impegnate sul territorio un potenziamento con uomini e mezzi dei servizi di controllo delle campagne per consentire agli agricoltori di lavorare in un clima di tranquillità ed evitare che la mala allunghi le mani sulle coltivazioni dell'intera provincia vanificando il lavoro dei produttori. Le locali guardie campestri fanno il loro lavoro nell'agro delle cittadine del barese, ma non basta. Il territorio agricolo è vasto e necessita della collaborazione dei tutori dell'ordine per garantire la sicurezza nelle campagne. Nei giorni scorsi episodi analoghi si sono registrati nella provincia di Taranto, in cui sono stati presi di mira i vigneti di Bruno Vespa. I sindaci della provincia Jonica hanno chiesto la convocazione del comitato per l'ordine e la sicurezza pubblici per analizzare la situazione ed individuare le azioni da compiere per arginare il dilagante fenomeno dei furti e dei danneggiamenti nelle campagne.





Nessun commento