Ultim'Ora

Trani (Bat). I carabinieri arrestano due rumene, colpite da ordinanza di custodia cautelare in carcere, per un furto in danno di un anziano avvenuto ad Empoli (Fi) [CRONACA DEI CC. ALL'INTERNO]

Arrestate due rumene a Trani. (foto cc.) ndr.

di Redazione

TRANI (BT), 12 SETT. (C. St.) - I militari del Nucleo Operativo e Radiomobile di Trani, impegnati nell’intensificazione dei controlli a persone e mezzi in transito tanto sulle arterie stradali quanto nei pressi di luoghi di aggregazione o comunque frequentati da un gran numero di persone, hanno arrestato due giovani donne, entrambe di origini rumene e già note alle forze di polizia per reati contro il patrimonio, individuate nel corso di un servizio di controllo del territorio. Nella scorsa serata, nei pressi della Stazione Ferroviaria di Trani, ad attirare l’attenzione dei militari è stato un gruppetto di uomini e donne, tutti sconosciuti, in stato di attesa. L’approfondimento effettuato nelle banche dati in uso alle forze di polizia, vinti gli iniziali ed improvvisati tentativi di fornire generalità alterate, ha consentito di stabilire che due donne del gruppo fossero destinatarie di un provvedimento restrittivo previdente l’applicazione della custodia cautelare in carcere. I fatti alla base dell’ordinanza, già emessa dal Giudice per le indagini preliminari di Firenze, erano avvenuti nel 2015 in Empoli (FI) e le due donne risultavano, in concorso tra loro, ritenute responsabili di un furto con destrezza ai danni di un anziano. Condotte presso la Compagnia di Trani per la notifica del provvedimento, le corree sono state quindi arrestate e condotte presso la Casa Circondariale Femminile di Trani ove dovranno rimanere a disposizione della competente Autorità giudiziaria. 

La droga sequestrata. (foto cc.) ndr.
CORATO (BA): DETIENE OLTRE UN CHILOGRAMMO E MEZZO DI HASHISH NASCOSTO IN UN CASOLARE. ARRESTATO DAI CARABINIERI UN SORVEGLIATO SPECIALE 

L’applicazione della misura di prevenzione della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno sembra non aver sortito gli effetti desiderati nei confronti di un 28enne, di origini marocchine, ma nato a Corato, già noto alle forze di polizia per violazioni alle norme sugli stupefacenti. All’esito di un mirato servizio antidroga è stato difatti trovato in possesso di un cospicuo quantitativo di droga e per questo nuovamente arrestato. I fatti si sono svolti nella serata scorsa, allorquando i militari, già sulle tracce del giovane poiché insospettiti dalla ritualità dei propri spostamenti nel territorio di residenza, hanno predisposto un servizio di pedinamento. Proprio nel corso dello stesso gli operanti hanno notato, in zona periferica e rurale, dapprima il malfattore salire verso un casolare per prelevare un qualcosa e, dopo qualche minuto di attesa, il sopraggiungere di un’autovettura ad andatura sostenuta. Immediato quindi l’intervento, orchestrato prima che potesse avvenire lo scambio ed il presunto spaccio. Il sopraggiungere dei militari ha però messo in allarme il possibile acquirente, consentendo di acciuffare solo il citato sorvegliato speciale, trovato in possesso di un panetto di hashish del peso di circa 100 grammi. Non poco lo stupore dei militari dell’Arma allorquando, raggiunto il punto esatto ove poco prima avevano notato avvicinarsi il malfattore, rinvenivano una scatola in polistirolo bianco, normalmente impiegata per il trasporto di latticini, colma di panetti di stupefacente della stessa tipologia, per un peso complessivo di 1,7 chilogrammi, per un valore, al dettaglio, di quasi 20.000,00 euro. Condotto presso la Stazione di Corato per gli atti necessari, il sorvegliato speciale è arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e condotto presso la Casa Circondariale di Trani ove dovrà rimanere a disposizione dell’Autorità giudiziaria.





Nessun commento