Ultim'Ora

Altamura (Ba).  I Carabinieri identificano ed arrestano, su ordinanza di custodia cautelare, un albanese autore di tre spaccate [CRONACA DEI CC. ALL'INTERNO] [VIDEO]

Una immagine del furto nei locali. (foto cc.) ndr.

di Redazione

ALTAMURA (BA), 12 OTT. (Comunicato St.) - I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Altamura hanno eseguito durante il trascorso fine settimana un’ordinanza di custodia cautelare per concorso in furto aggravato plurimo e ricettazione, emessa dall’Ufficio del GIP del Tribunale di Bari – dott. Giovanni Abbattista, richiesta dal PM dott.ssa – S. Filoni - nei confronti di un cittadino albanese, 21enne residente ad Altamura. La notte del 27 maggio scorso alcuni locali pubblici di Altamura erano colpiti da una serie di “spaccate”. Con l’utilizzo di vecchie auto di piccola cilindrata usate come arieti, due individui, infrangevano le vetrine di locali sprovvisti di saracinesca al fine di provocare lo sfondamento e quindi guadagnarne l’intrusione per il furto. Subivano così la stessa sorte il centro scommesse Planet Win 365, il bar Pugliese e il negozio di ingrosso e dettaglio di articoli per parrucchieri ed estetisti HAIR PROJECT POINT. Nell’occasione, come arieti erano state utilizzate due autovetture, una Fiat Uno ed una Lancia Y 10, entrambe rubate quella stessa notte ad Altamura. Ingenti i danni ai tre esercizi per vie dei vetri infranti, mentre dall’interno derubato il danaro dai registratori di cassa e diverse costose apparecchiature per l’hair stylist presso l’esercizio che ne faceva vendita in questa via R. Margherita. Tre sono stati i colpi messi a segno nella stessa notte, riuscendo a darsi alla fuga. Le meticolose investigazioni condotte dai militari del NORM della Compagnia Carabinieri di Altamura hanno però consentito di individuare uno dei due, identificato nel cittadino abanese H.D. 21enne residente da tempo nella cittadina federiciana, noto per la commissione di altri reati contro il patrimonio. Le immagini di alcune telecamere di sorveglianza e un’incessante attività informativa e di acquisizione dati sul suo conto, hanno consentito fare emergere gravi indizi di colpevolezza che sono stati condivisi dalla competente A.G. che ha spiccato il provvedimento. L’arrestato si trova ora presso la Casa Circondariale di Bari, dovendo rispondere dei reati di plurimo furto aggravato in concorso e ricettazione. Sono in corso le indagini per l’identificazione dell’altro complice.


 

I controlli dei cc. a Noci. (foto cc.) ndr.
NOCI (BA): SORPRESI DUE PREGIUDICATI BARESI CON ATTREZZI DA SCASSO

Nella serata di ieri i Carabinieri di Noci hanno denunciato a piede libero due giovani baresi per possesso ingiustificato di grimaldelli e arnesi da scasso. Gli uomini dell’Arma, allertati da alcuni cittadini che, avendo visto l’atteggiamento sospetto dei due, hanno provvidenzialmente chiamato il 112, li hanno intercettati e sottoposti a controllo. A bordo di un Fiat Doblò, intestato ad uno di loro, stavano transitando lungo la via D’annunzio, senza una plausibile giustificazione. Con alle spalle diversi precedenti per reati contro il patrimonio, i malintenzionati non sono stati in grado neanche di giustificare il possesso di alcuni cacciaviti e guanti in gomma, solitamente utilizzati per forzare porte e finestre e quindi consumare furti in abitazione, che ben occultavano dietro la plancia del cambio del Fiat Doblò. Tutto il materiale è stato sequestrato, entrambi denunciati e proposti per l’applicazione del foglio di via obbligatorio da Noci, per un periodo di anni tre. 

Arestati in tre a Putignano. (foto cc.) ndr.
PUTIGNANO (BA): ESTORCEVANO DENARO AD UN OPERAIO. I CARABINIERI ARRESTANO I TRE RESPONSABILI SU ORDINANZA DI CUSTODIA CAUTELARE

Ieri mattina i Carabinieri della Stazione di Putignano, collaborati dal personale del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Gioia del Colle (BA), in esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP presso il Tribunale di Bari, dott. Francesco AGNINO, su richiesta del P.M. Dott. Giuseppe DENTAMARO, hanno arrestato: PUTIGNANO Tommaso, 42enne, sorvegliato speciale di p.s. con obbligo di soggiorno; CAMPANELLA Pierpaolo, 36enne; DAMASO Pietro, 58enne. Nel corso dell’attività investigativa, coordinata dal Sost. Proc. Dott. Giuseppe DENTAMARO, i militari della Stazione di Putignano sono riusciti a documentare l’attività illecita posta in essere dai tre malfattori che, nell’arco temporale compreso tra i mesi di giugno e settembre scorsi, a più riprese, mediante violenza e minacce di morte, hanno richiesto ad un giovane operaio del luogo di corrispondergli una somma di denaro, riuscendo a sottrargli complessivamente euro 220 in contanti. La sfrontatezza dei tre malfattori è risultata tanto grave al punto che, in ben due circostanze, i tre hanno difatti rapinato la loro vittima. In una occasione hanno asportato al giovane 20 euro, dopo averlo picchiato con schiaffi e pugni; in un'altra, una volta introdottisi all’interno della sua auto, gli hanno portato via le chiavi del veicolo, le chiavi di casa ed un telefono cellulare. Tali azioni violente sono avvenute lungo la pubblica via e pertanto notate da numerosi passanti che, sentiti dai Carabinieri, hanno permesso di ricostruire il comportamento criminale dei tre soggetti. Gli arrestati sono stati tradotti presso la Casa Circondariale di Bari e dovranno rispondere di rapina ed estorsione in concorso. A PUTIGNANO T. è stata contestata l’aggravante prevista dal D.L.vo 159/2011 poiché ha commesso tali reati mentre era sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale.





Nessun commento