Ultim'Ora

Calcio. Il Foggia e’ un rullo compressore di nuovo primo

L'esultanza dei giocatori foggiani. (foto com.) ndr.

di Mario Schena 

FOGGIA, 23 OTT. - Il Foggia riabbraccia i suoi tifosi. Dopo le quattro infinite giornate di campionato disputate a porte chiuse lo Zaccheria riapre i battenti e si colora di rossonero. L’evento andava festeggiato con una vittoria e vittoria è stata e che vittoria. Monopoli asfaltato con un perentorio quattro a uno. Il Foggia, dopo sei vittorie consecutive ha frenato e negli ultimi tre turni ha raccolto solo due punti, franando in malo modo domenica scorsa a Castellammare. A poco è servita la rivincita in Coppa Italia, il Campionato è un’altra cosa e l’aver consegnato al Lecce il primato e punti di vantaggio e sentire sul collo il fiato minaccioso di Juve Stabia e Matera è stato maldigerito dal popolo rossonero. Si è giocato ancora in notturna, conoscendo già il risultato del Lecce cha a Catania ha perso costituendo uno stimolo in più per cercare la vittoria a tutti i costi. Di fronte un Monopoli in ottima salute. Per i biancoverdi sesto posto in classifica con diciassette punti, non molti in meno proprio dei rossoneri e dieci dei quali ottenuti in trasferta grazie alle vittorie a Caserta, Pagani ed Andria ed al pari di Siracusa. All’undicesima giornata della passata stagione il Monopoli vinse allo Zaccheria per due a zero ed il Foggia fallì due calci di rigore. Gara diretta dal signor Antonio Giua della sezione di Olbia assistito da Antonio Spensieri di Genova e Giuseppe Perrotti di Campobasso. Nel Foggia ancora fuori Sarno per infortunio e Guarna per squalifica. Stroppa schiera la sua squadra con Sanchez tra i pali, Angelo e Rubin difensori di fascia, Martinelli e Coletti centrali, centrocampo composto da Gerbo, Vacca ed Agnelli, attacco con Chiricò, Padovan e Mazzeo. Primo tempo da incorniciare per i rossoneri. Due gol, un palo e quattro nitide palle gol create. Almeno per la prima parte della gara Monopoli non pervenuto. Il Foggia fa paura subito. Al secondo minuto ci prova Chiricò che dopo un ubriacante serie di dribbling entra in area e fa partire un tiro a giro che passa non lontano dal palo alla sinistra di Mirarco. Dopo due minuti Padovan “spizza” la palla di testa sugli sviluppi di un calcio d’angolo mandando poco alto sulla traversa. All’ottavo è ancora Chiricò a provarci, ma questa volta la sua conclusione è centrale. Al decimo padroni di casa vicinissimi ala vantaggio con Padovan che manda la sfera sulla traversa dopo una corta respinta dell’estremo difensore del Monopoli su traversone dalla destra di Chiricò. Molto vivace Padovan che al ventesimo sfiora ancora il vantaggio mettendo di pochissimo a lato su servizio di Agnelli. Il Foggia è soffocante e i biancoverdi di Zanin provano ad alleggerire la pressione con qualche azione di contropiede al termine di una delle quali Montini colpisce di testa, ma Sanchez blocca con sicurezza. L’assedio del Foggia porta i suoi frutti al ventottesimo quando Vacca, da fuori area, ricevuta palla dalla fascia sinistra da Gerbo fa partire un bolide che si insacca nell’angolo basso alla sinistra di Mirarco tuffatosi vanamente. Esplode lo Zaccheria, il Foggia affonda sull’acceleratore e raddoppia con un incredibile tiro da lontano di Rubin al trentatreesimo che sorprende Mirarco che tocca la palla ma non evita la rete. Il due a zero taglia le gambe al Monopoli che sembra incapace di abbozzare la benché minima reazione. I rosasoneri sono spietati, al trentottesimo Padovan manca di poco il gol di testa sugli sviluppi di un calcio d’angolo ed quarantesimo capitan Agnelli, in mezza rovesciata, colpisce in pieno il palo Alla sinistra di Mirarco. Neanche un minuto di recupero e tutti negli spogliatoi. Foggia dal ritmo basso ad inizio ripresa, probabilmente dovuto al doppio vantaggio, e man mano concede sempre più spazio al Monopoli che dopo aver preso coraggio va alla conclusione al quindicesimo con Pinto che dal limite dell’area conclude alto. Dopo due minuti i biancoverdi accorciano con Montini che incorna da pochi metri battendo Sanchez. Il gol gela gli spalti e galvanizza il Monopoli che cerca il pari e dopo una punizione dal limite di Chiricò respinta in tuffo da Mirarco, Gerbo perde malamente palla e innesca una pericolosissima azione di contropiede del Monopoli che Genchi conclude fuori di poco. Il Foggia è in difficoltà, ma trova la zampata per chiudere la partita con Padovan che servito da Angelo in area da posizione decentrata infila con un rasoterra in diagonale Mirarco sul secondo palo. Cerca di reagire il Monopoli con l’ennesima azione di contropiede conclusa ancora una volta da Genchi, anche questa volta di poco sul fondo. Quattro i minuti di recupero durante i quali il Foggia reclama un calcio di rigore per un presunto fallo su Letizia e segna il quarto gol con Sainz Maza subentrato nella ripresa che, lanciatosi a rete da centrocampo fa partire un rasoterra che termina nell’angolo alla destra di Mirarco. Triplice fischio e tutti negli spogliatoi. Dominio assoluto del Foggia che si riconcilia con i propri tifosi, scaccia le streghe di una eventuale crisi di risultati e ritorna al primo posto insieme al Lecce che affronterà nel posticipo di lunedì sera al “via del mare” con un animo decisamente diverso da sette giorni fa.





Nessun commento