Ultim'Ora

Ruvo di Puglia (Ba). Strani odori al cimitero. I carabinieri scoprono un “essiccatoio” di marijuana. Arrestato coltivatore incensurato con oltre un quintale e mezzo di droga [CRONACA DEI CC. ALL'INTERNO]

L'essiccatoio sequestrato. (foto cc.) ndr.

di Redazione

RUVO DI PUGLIA (BA), 14 OTT. (Comunicato St.) - I Carabinieri della Stazione di Ruvo di Puglia hanno arrestato un 45enne, incensurato, agricoltore di professione, ritenuto responsabile della violazione della normativa attinente agli stupefacenti. Nei giorni scorsi sono giunte molteplici segnalazioni sul 112 di pronto intervento, aventi natura del tutto singolare. In alcune aree del locale cimitero si poteva sentire un odore acre, da taluni definito possibile fragranza di piante di “marijuana”, difforme dalle consuete esalazioni dei fiori presenti nel camposanto. Gli iniziali scarsi riscontri eseguiti dai militari della locale Stazione non hanno consentito né di recepirne gli odori, né di stabilirne la provenienza, ma l’insistenza e la precisione delle indicazioni della cittadinanza hanno portato i militari a predisporre diversi servizi di appostamento ed osservazione in campo aperto e nelle aree rurali circostanti, all’esito dei quali, solo nel pomeriggio scorso, si è individuata la natura delle strane fragranze. L’insospettabile malfattore è stato infatti incastrato allorquando si è recato sul posto per controllare il “raccolto” all’interno di un capannone, costituito di lamiere in metallo e materiale plastico, ove erano stati occultati numerosissimi arbusti di “cannabis indica” ad essiccare. Con l’individuazione del luogo si è svelato di lì a poco anche il motivo delle esalazioni percepite nel vicino cimitero: gli effluvi fortissimi provenienti dalle piante stupefacenti in essiccazione si diffondevano nelle aree circostanti soltanto per brevi periodi, presumibilmente coincidenti con l’accesso del coltivatore all’interno della serra ove erano custodite le piante in essiccazione. Effettuata un’accurata perquisizione sul posto e presso il domicilio del 45enne, i Carabinieri hanno sequestrato marijuana in forma di arbusti e altra già immessa in barattoli per un peso complessivo di un quintale e mezzo. L’agricoltore è stato quindi arrestato per coltivazione e detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio e tradotto presso la Casa Circondariale di Trani ove resterà a disposizione dell’Autorità giudiziaria. 

I controlli dei cc. di Andria. (foto cc.) ndr.
ANDRIA (BT): A SPASSO PER LA CITTÀ IN AUTO, ANZICHÉ LAVORARE. UN ARRESTO PER EVASIONE 

Nella giornata di ieri, nel corso di uno degli innumerevoli controlli svolti nei confronti delle persone sottoposte a misure restrittive, i Carabinieri hanno arrestato per evasione un noto pregiudicato del luogo, C.V., 59enne, che, autorizzato a recarsi al lavoro, è stato sorpreso mentre passeggiava tranquillamente per le vie cittadine con la propria autovettura. I militari avevano già avuto sentore di altre precedenti violazioni alle prescrizioni imposte, pertanto hanno deciso di mettere in atto un oculato servizio di appostamento e pedinamento, mirato a verificare l’effettiva presenza di C.V., presso il laboratorio dolciario di famiglia, ogni giorno dalle 8 alle 14. Non c’è voluto molto per scoprire che C.V., anziché lavorare, girava alla guida della sua vettura per le vie della città. Dopo un breve pedinamento, C.V. è stato bloccato, arrestato e accompagnato presso la Casa Circondariale di Trani, ove resterà a disposizione della competente A.G..





Nessun commento