Ultim'Ora

Storia e Cultura. A Terlizzi (Ba) il 1 novembre si andra' "A spasso tra le maschere". Passeggiata alla riscoperta delle maschere apotropaiche

La locandina dell'evento. (foto com.) ndr.

di Massimo Resta 

TERLIZZI (BA), 28 OTT. - Sin dall'antichita' l'uomo ha sempre creduto che gli influssi malefici potessero incidere sulla sua esistenza. Per difendersi da invidia e malocchio ha usato non solo amuleti e talismani ma anche delle maschere apotropaiche, collocate sulle facciate esterne dei palazzi per allontanare e scongiurare gli influssi malefici. Il termine apotropaico deriva dal greco "apotropaios", che vuol dire "che allontana". A Terlizzi, cittadina floricola sita a trenta chilometri dal capoluogo pugliese, il centro storico pullula di maschere apotropaiche. Sono incastonate sui muri delle case del nucleo antico dell'abitato, pronte a tenere lontano le negativita'. Alcune di queste, provengono dall'antico duomo romanico-gotico che i terlizzesi nel 1782 decisero, nella follia generale, di radere al suolo per dare spazio ad una cattedrale piu' grande. Nemmeno gli stessi terlizzesi conoscono, pero', le tante maschere apotropaiche presenti nel centro storico. Per questo le associazioni "Art. 9" e Arciterlizzi "La Torre di Babele", hanno promosso una passeggiata alla riscoperta delle maschere apotropaiche. L'appuntamento e' per il 1 novembre, giorno della festa di tutti i santi, presso la Torre dell'Orologio di piazza Cavour. Alle 10.30, iniziera' un "tour" a piedi e gratuito all'interno del nucleo antico della citta'. Non solo terlizzesi ma anche turisti e curiosi provenienti da tutta la provincia, avranno la possibilita' di riscoprire il patrimonio artistico e culturale della citta' dei fiori, tesori che per fretta o per noia non vengono piu' ammirati.





Nessun commento