Ultim'Ora

Toritto (Ba). In localita’ Quasano i carabinieri sventano un furto in abitazione. Tre arresti

Il materiale sequestrato. (foto cc.) ndr.

di Redazione

TORITTO (BA), 7 OTT. (Comunicato St.) - Nella scorsa serata sono stati arrestati dai Carabinieri della Stazione di Toritto, tre individui, S.A. 23enne, di Bari Carbonara, M.G. 41enne e I.D. 54enne, di Bari San Paolo, già noti alle forze dell’ordine, sorpresi nella flagranza di tentato furto ai danni di un’abitazione della nota località turistica di Quasano agro del Comune di Toritto. Da alcuni giorni erano stati segnalati furti in abitazione presso le ville disabitate della suddetta località, pertanto i Carabinieri della Stazione avevano pianificato dei mirati servizi preventivi che non hanno tardato a dare positivi risultati. Verso le ore 20.00 giunge, sul 112 di pronto intervento, una segnalazione telefonica riguardante una Citroen con tre persone sospette a bordo. La segnalazione viene riversata alla pattuglia della Stazione di Toritto che si trova già in zona. Dopo pochi minuti i militari di pattuglia vedono effettivamente tra via Caprino angolo via Gerani una Citroen in sosta con il motore acceso ed i fari spenti. Immediatamente i Carabinieri si avvicinano per il controllo, ma ecco che un uomo, dopo aver gettato a terra qualcosa, scavalca un recinto di un’abitazione ed entra in macchina che, condotta da un complice, con altra persona a bordo, parte a forte velocità. Ne nasce un breve inseguimento, durante il quale i militari vedono che dal finestrino, in prossimità di un albero, vengono gettati alcuni oggetti. Dopo non poche difficoltà i militari bloccano la macchina e procedono all’identificazione degli occupanti. Il successivo sopralluogo nel cortile dove uno dei tre (il più giovane) aveva scavalcato il muro di cinta, ha consentito di rinvenire un paio di guanti, una radio portatile e due cacciaviti, mentre vicino all’albero corrispondente al lancio degli altri oggetti, è stata trovata un’altra radio, gemella della precedente, ancora accesa ed un paio di guanti. Ritenendo, inequivocabilmente che i tre stessero consumando un furto nell’abitazione ove il più giovane, al sopraggiungere dei militari, ha desistito dal continuare l’azione delittuosa, scavalcando il recinto e scappando in macchina con i complici che fungevano da “palo”, i tre sono stati arrestati per tentato furto in concorso e, su disposizione dell’A.G., sottoposti alla misura degli arresti domiciliari.





Nessun commento