Ultim'Ora

Bari. Arrestato dalla Polizia 31enne georgiano con precedenti per furto aggravato e resistenza a P.U. [CRONACA DELLA P S. ALL'INTERNO]

Il materiale sequestrato. (foto P.S.) ndr.

di Redazione

BARI, 3 DIC. (Comunicato St.) - Ieri notte, a Bari, la Polizia di Stato ha tratto in arresto TCHRELASHVILI Teimuraz, 31enne georgiano con precedenti di polizia, ritenuto responsabile di furto aggravato in concorso e resistenza a Pubblico Ufficiale. I poliziotti della Squadra Volante, durante l’ordinario servizio di controllo del territorio, hanno notato un’autovettura sospetta transitare lungo via Postiglione ed hanno deciso di procedere al controllo del veicolo e dei tre occupanti. Il conducente dell’auto, accortosi dell’arrivo della Volante, ha accelerato l’andatura e non si è fermato all’alt dei poliziotti; ne è scaturito un inseguimento in cui i fuggitivi, al fine di sottrarsi al controllo, hanno proceduto ad alta velocità imboccando più volte strade in controsenso e zigzagando lungo la carreggiata. L’inseguimento, protrattosi per circa dieci minuti, si è concluso in via Dei Mille quando, dopo aver arrestato la corsa dell’auto, i tre hanno tentato di scappare a piedi percorrendo direzioni differenti. Raggiunto dagli operatori, il TCHRELASHVILI è stato bloccato e tratto in arresto. A seguito di perquisizione, a bordo dell’autovettura su cui viaggiavano i tre, sono stati rinvenuti un televisore “Samsung” da 49 pollici, un Tablet “Samsung”, un robot da cucina modello “Bimby”, un carnet con 9 assegni in bianco, un computer portatile ed una bicicletta da bambino. I successivi accertamenti hanno consentito di appurare che i beni erano stati sottratti, poco prima, da un’abitazione ubicata a Bari in via Giulio Petroni; l’intera refurtiva è stata quindi restituita al legittimo proprietario. A bordo della vettura sono stati inoltre rinvenuti capi d’abbigliamento, probabilmente indossati dai rei durante l’espletamento del furto, ed arnesi atti allo scasso debitamente sequestrati. L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. In corso indagini per risalire all’identità dei complici dell’arrestato. 

- Ieri mattina la Polizia di Stato ha eseguito una ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP del Tribunale di Bari su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di Strambelli Giovanni, 40enne barese con precedenti penali, ritenuto responsabile del reato di rapina aggravata in concorso. L’uomo, lo scorso 12 novembre, era riuscito a guadagnare la fuga dopo aver rapinato, unitamente ad un complice, due dipendenti di un’azienda agricola con sede a Monopoli che stavano sistemando il raccolto di ortaggi in un furgone Fiat Iveco. I poliziotti del Commissariato di P.S. di Monopoli avevano già arrestato in flagranza di reato il primo dei due autori della rapina ed hanno assicurato alla giustizia, ieri, a seguito di un’intensa attività info-investigativa, anche il secondo responsabile, rintracciato presso la sua abitazione a Ceglie del Campo. I due rapinatori, dopo aver aggredito brutalmente le vittime colpendole più volte con violenti pugni all’altezza del volto, si erano impossessati del veicolo carico di ortaggi, delle chiavi di un secondo automezzo ivi parcheggiato e del portafogli di uno dei due malcapitati. Dopo le formalità di rito l’uomo è stato condotto presso la Casa Circondariale di Bari, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.





Nessun commento