Ultim'Ora

Estero. "Non dimenticate Aleppo", l'ultimo grido del killer di Ankara

L'ambasciatore russo morto. (foto Agi) ndr.

di Redazione

ANKARA, 20 DIC. (AGI) - Stava tenendo un discorso alla Galleria d'Arte Contemporanea per l'inaugurazione di una una mostra fotografica quando un uomo ha iniziato a sparare nella sua direzione urlando "Non dimenticate Aleppo, non dimenticate la Siria". E' morto così Andrey Karlov, ambasciatore russo ad Ankara. Il diplomatico, trasferito in ospedale in condizioni critiche, è deceduto poco dopo. Le forze speciali turche hanno ucciso in un blitz l'attentatore, che però ha ferito anche altre tre persone. Da giorni in Turchia si susseguono proteste contro il coinvolgimento militare di Mosca nel conflitto siriano a sostegno del regime di Bashar al-Assad, e a più riprese i dimostranti hanno inscenato manifestazioni davanti alla legazione russa. L'attentatore All'inizio si era pensato che si trattasse di un finto poliziotto. E invece si è scoperto che l'attentatore era un giovane agente dei reparti antisommossa poi ucciso in un blitz dai 'colleghi'. E che prestò servizio per la scorta del presidente Recep Tayyip Erdogan in due diverse occasioni. Si chiamava Mevlut Mert Altintas. Giacca e cravatta nere, il 22enne pochi minuti dopo l'inizio del discorso dell'ambasciatore alla mostra 'La Russia vista dai turchi' ha gridato in arabo: "Non dimenticare di Aleppo. Non dimenticare la Siria". Nel video che ha fatto immediatamente il giro del web, lo si vede in piedi con la pistola in aria. Urla delle frasi in arabo, per la concitazione del momento si direbbe che è quasi calmo. Lucido. Secondo testimonianze raccolte dal Guardian, prima di sparare ha urlato: "Le nostre città non sono sicure, così non lo saranno le vostre. Non mi resta nient'altro che morire. Chi ha colpa delle nostre sofferenze pagherà un prezzo altissimo. Noi siamo quelli che hanno promesso fedeltà a Maometto". Quindi al grido "Allahu akbar" ha fatto fuoco verso Karlov. Tre colpi di pistola che non hanno dato scampo all'ambasciatore. La vittima Classe 1954, Andrey Karlov era l'ambasciatore di Mosca in Turchia dal 12 luglio 2013. Diplomatico di lungo corso, ha iniziato la sua carriera nel 1976 al ministero degli Affari Esteri dell'allora Unione Sovietica. Prima di arrivare ad Ankara ha ricoperto il ruolo di ambasciatore in Corea del Nord. Nelle ultime settimane era stato coinvolto nelle discussioni tra Mosca e il governo turco che hanno portato alle ultima evacuazione da Aleppo est. Ebbe anche un ruolo centrale nel riavvicinamento lo scorso aprile tra Mosca e Ankara.





Nessun commento