Ultim'Ora

Libri. Presentazione di: "Lo spazio del sogno-I teatri nel teatro" nel Foyer del Teatro Petruzzelli

Una immagine della presentazione. (foto A.G.) ndr.

di Anna Gomes

BARI, 1 DIC. - Oggi pomeriggio alle 1800,nel Foyer del teatro Petruzzelli,é stato presentato il libro "Lo spazio del sogno-I teatri nel teatro" a cura M.Leonia Fischetti,Annamaria Lorusso,Emilia Pellegrino,Michele Maielli,edito da Adda. Ha coordinato il lavori Enrica Simonetti,giornalista della Gazzetta del Mezzogiorno."In questo bellissimo libro si parla dei teatri di Puglia che erano cinque a Bari e gli altri tutti sparsi nella regione,risalenti al 1800,il primo fu il teatro del Sedile a Bari. La magia del teatro è sempre presente e si avvera quindi nel sogno di questo libro.E' ancora presente nelle nostre menti l'immagine del teatro devastato dalle fiamme 25 anni fa." Per la realizzazione di questo volume è doveroso ringraziare l'Associazione Italia Nostra. Intervengono poi l'assessore alla Cultura Silvio Maselli evidenziando l'importanza di reinventare il Teatro (riferendosi al Petruzzelli) che sa produrre bellezza e dare slancio alla regione Puglia e alla città di Bari. Il Sovrintendente della Fondazione Lirico Sinfonica Petruzzelli,Massimo Biscardi,di seguito ci parla della Puglia,terra di teatri numerosi e piccoli,alcuni bellissimi come il Traetta di Bitonto,il Van Westerhout di Mola,il Mercante di Altamura. Interviene Emilia Pellegrino che parlando del libro,sottolinea che la prima parte del libro é dedicata ai lavori di restauro delle opere effettuate, mentre la seconda è un micro corredo iconografico delle strutture realizzate (bellissime le immagini del libro).Siamo in attesa di terminare i lavori al Teatro Margherita e al Teatro Piccinni" conclude. Il prof.Ennio Triggiani,Presidente dell'Accademia di Belle Arti di Bari,interviene definendo prezioso il lavoro svolto dagli alunni dell'Accademia delle belle Arti,nella realizzazione di questo libro. La prof.M.Grazia Porcelli,docente di Storia del teatro dell'Università di Bari,chiude i lavori relazionando egregiamente sulla storia dei teatri di Bari e della Puglia e auspicando che i teatri pugliesi diventino anche contenitori culturali al passo con i tempi.





Nessun commento