Ultim'Ora

Marina di Ginosa (Ta). I Carabinieri di Castellaneta arrestano tre baresi sorpresi in possesso di stupefacenti [CRONACA DEI CC. ALL'INTERNO]

La droga e il materiale sequestrato. (foto cc.) ndr.

di Redazione

MARINA DI GINOSA (TA), 9 DIC. (Comunicato St.) - I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Castellaneta (Ta) hanno arrestato, in flagranza di reato, per detenzione a fini di spaccio di stupefacenti, tre giovani baresi, FIORENTINO Emanuele 31enne pregiudicato, un 21enne con precedenti di polizia ed una 28enne incensurata. Gli operanti, nel corso di un servizio mirato a prevenire e contrastare lo spaccio ed il consumo di sostanze stupefacenti, segnatamente a carico di giovani, hanno proceduto al controllo di un’autovettura sospetta. Nel corso della verifica dei documenti, gli occupanti si mostravano inspiegabilmente nervosi, inducendo gli operanti ad approfondire i controlli sottoponendoli a perquisizione, dapprima personale e poi veicolare. Nel corso delle operazioni, i militari rinvenivano 21 involucri di cellophane contenenti trentatre grammi circa di cocaina, tre grammi circa di marijuana, sedici grammi circa di ketamina, tre grammi di M.D., sei grammi circa di hashish e numero 37 (trentasette) pasticche di ecstasy già impacchettata e pronta per lo spaccio. I tre giovani, accompagnati in caserma, venivano tratti in arresto e dopo le formalità di rito, così come disposto dal P.M. di turno presso la Procura della Repubblica del capoluogo jonico, tradotti presso la Casa Circondariale di Taranto. Lo stupefacente in sequestro sarà inviato dal Laboratorio Analisi Sostanze Stupefacenti del Reparto Operativo del Comando Provinciale Carabinieri di Taranto per essere analizzato e catalogato. 

Controlli dei cc. di Andria. (foto cc.) ndr.
ANDRIA (BT): SIGARETTE ALLA COCA. UN ARRESTO DEI CARABINIERI 

Ancora un pusher è finito nella rete dei perseveranti controlli dei militari dell’Arma di Andria. I Carabinieri della locale Compagnia, nel corso di un servizio finalizzato a prevenire e reprimere il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, hanno, infatti, arrestato L.F., 21enne, pregiudicato del luogo. I militari, ai quali erano giunte diverse segnalazioni, anche tramite il 112, di movimenti sospetti del 21enne, hanno deciso di porre i suoi “movimenti” sotto la lente d’ingrandimento, eseguendo degli oculati servizi di osservazione. Uno di questi ha condotto i militari nella zona di via Barletta, dove è stato notato il 21enne sostare a bordo della propria autovettura in attesa di potenziali clienti. Infatti, dopo qualche istante, si è avvicinato a lui un giovane, il cui intento è stato poi accertato essere quello di acquistare sostanza stupefacente, che è salito a bordo dell’autovettura. Nel corso dell’immediato controllo, il 21enne è stato trovato in possesso di un pacchetto di sigarette, in parte svuotate del tabacco e sostituito con “cipolline” di cocaina. Al termine della perquisizione personale e veicolare sono saltate fuori ben 28 dosi di cocaina, unitamente a denaro contante, ritenuto il provento dell’attività illecita. La sostanza stupefacente ed il denaro sono stati sequestrati, mentre il 21enne è stato associato presso la Casa Circondariale di Trani (BT) a disposizione della stessa Procura della Repubblica e dovrà rispondere oltre che del reato di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, anche del reato di minaccia a p.u., avendo proferito contro i militari operanti frasi ingiuriose durante la perquisizione ed il successivo arresto.





Nessun commento