Ultim'Ora

Modugno (Ba). Arrestato un rumeno per rapina impropria all’Auchan [CRONACA DEI CC. ALL'INTERNO]

Controlli dei cc. all'Auchan di Modugno. (foto cc.) ndr.

di Redazione

MODUGNO (BA), 30 DIC. (Comunicato St.) - I numerosissimi servizi messi in atto dal Comando Provinciale di Bari, in questo periodo di festività, per il contrasto ai reati contro la persona ed il patrimonio, continuano a portare i loro frutti. Alle ore 18.30 di ieri sera, presso il centro commerciale “Auchan”, un 30enne rumeno, residente presso il campo nomadi di Foggia, nullafacente, pregiudicato, è stato sorpreso da un addetto alla vigilanza, mentre cercava di asportare 5 hard disk, nascosti all’interno di una borsa che aveva a tracolla. Il preposto ha invitato l’uomo a fermarsi, ma questi ha iniziato a fuggire per guadagnarsi l’uscita. L’azione è stata seguita da altri addetti alla sicurezza, uno dei quali se lo è visto di fronte e lo ha bloccato mettendosi davanti. L’uomo ha reagito colpendo con un pugno il braccio dell’addetto, ma vistosi circondato anche da altri cittadini che, resisi conto di quanto stava avvenendo, si sono avvicinati, ha desistito da ogni ulteriore violenza ed ha atteso l’arrivo di una pattuglia dei Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Modugno che era già stata immediatamente allertata tramite il 112. I militari arrivati subito sul posto, hanno constatato quanto avvenuto e verificato che nella borsa vi era effettivamente della refurtiva consistente in 5 hard disck del valore commerciale di circa 650 euro, che sono stati subito restituiti all’avente diritto. Per l’uomo sono scattate le manette e si sono aperte le porte del carcere di Bari. Dovrà rispondere davanti al Giudice di rapina impropria, avendo usato violenza contro l’addetto alla vigilanza che visto il furto, per Legge ha il diritto-dovere di tutelare la proprietà privata. 

PUTIGNANO (BA): ARRESTATA LADRA DI CAPI ABBIGLIAMENTO 

Stamattina alle prime ore dell’alba, i militari della Stazione Carabinieri di Putignano hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare personale degli arresti domiciliari nei confronti di F. L., 46enne originaria di Bari. La misura scaturisce dall’ attribuzione in capo alla donna dei reati di rapina impropria e lesioni personali commessi lo scorso 19 novembre all’interno di un negozio di abbigliamento di Putignano. In quella circostanza, la malintenzionata in concorso con una complice, dopo aver trafugato alcuni capi di abbigliamento per un valore complessivo di circa 350,00 euro, vistasi scoperta dalla commessa, spingeva e colpiva la commessa alla spalla e al collo per scappare. In quella circostanza i militari riuscirono a sorprendere la complice che venne tempestivamente bloccata e arrestata dai Carabinieri; la refurtiva recuperata è stata già restituita ai legittimi proprietari. La donna arrestata nella mattinata odierna è stata sottoposta alla misura degli arresti domiciliari e dovrà rispondere di rapina e lesioni personali.





Nessun commento