Ultim'Ora

Roma. Due carabinieri offrono un rifugio, cibo e vestiti a una richiedente asilo e alla sua bambina di 3 anni

I due cc. con la richiedente asilo cingolese. (foto cc.) ndr.

di Redazione

ROMA, 31 DIC. (Comunicato St.) - A una pattuglia di Carabinieri nel turno di notte, si sa, può succedere di tutto. Ci sono allarmi per furto o rapina e ci sono le risse, nelle quali è facile prendersi una coltellata. Capita di rado che a chiamare sia un istituto religioso, per un intervento più umanitario che operativo, ma non per questo meno “di emergenza”. È accaduto la notte del 29 scorso agli appuntati Andrea Castiello e Salvatore Fontana, della Compagnia Carabinieri di Roma San Pietro. La madre superiora delle “Suore della Redenzione Villa Mater Admirabilis” di via Pineta Sacchetti, nel quartiere Trionfale, non sapendo cosa fare di fronte a una donna di 33 anni con la sua bambina di 3, che chiedevano assistenza, ha chiamato il “112”. Si chiama pronto intervento e così è stato: Mireille, congolese che all’Italia ha chiesto asilo politico per la difficile situazione in cui versa il suo Paese, ha visto offrire a sé e alla propria bambina, in una notte particolarmente fredda, un aiuto insperato. I due Carabinieri non ci hanno messo molto a decidere: in attesa di un supporto dei servizi sociali, che più facilmente sarebbe scattato il giorno successivo, hanno sistemato a loro spese le due bisognose in un albergo vicino. Poteva bastare, non è bastato. Occupata la stanza, la donna è stata raggiunta qualche minuto dopo dagli appuntati Castiello e Fontana, che le hanno portato un pasto, latte e biscotti per la colazione successiva e vestiti più caldi e puliti.





Nessun commento