Ultim'Ora

Bari. Al Petruzzelli per la prima volta la 'Gazza Ladra' di Rossini in chiave moderna

Una scena dell' opera. (foto Arcieri) ndr.

di Myriam Di Gemma

BARI, 28 GEN. – “La Gazza Ladra” di Gioachino Rossini, per la prima volta in scena al teatro “Petruzzelli”. Ma rivisitata in chiave moderna da quel genio di Damiano Michieletto, il più innovativo tra gli esordienti della nuova generazione di registi italiani. 
Per la Prima della stagione lirica della “Fondazione Petruzzelli”, un parterre ricco di presenze istituzionali: tra questi, oltre al sindaco di Bari, Antonio Decaro e all’assessore alla Cultura, Silvio Maselli, anche il Questore di Bari, Carmine Esposito accompagnato dalla dott. ssa Daniela Giannuzzi; Raffaele Lorusso, segretario della Federazione Nazionale Stampa Italiana; Mario Loizzo, presidente del Consiglio regionale e lo scrittore Gianrico Carofiglio. 
La trama della tragedia a lieto fine la conosciamo tutti: la sfortunata Ninetta (interpretata dall’eccellente mezzosoprano di Alessia Nadin) viene condannata alla pena capitale dopo essere stata incolpata di furto domestico. Ma proprio al momento dell’esecuzione, si scopre l’innocenza della ragazza, con il ritrovamento della refurtiva. 
Ottime le scenografie a cura di Paolo Fantin. Grandiosi l’Orchestra e Coro del Teatro Petruzzelli, diretti rispettivamente da George Petrou e Fabrizio Cassi. Un plauso a tutti i personaggi: Davide Giangregorio (Fabrizio); Loriana Castellano (Lucia, la mamma di Ninetta); Giannetto (Francisco Britto); Fernando (Simone Alberghini); Gottardo (Carlo Lepore);Pippo (Victoria Yarovaya); Isacco (Gianluca Bocchino); Antonio (Marco Miglietta); Giorgio (Stefano Marchisio); Ernesto (Alberto Comes ); il Pretore (Gianfranco Cappelluti) e la gazza (l’acrobata Sandhya Nagaraja). 
Impeccabile l’organizzazione del Cerimoniale e dell’Ufficio Stampa della Fondazione.




Nessun commento