Ultim'Ora

Festività & Tradizioni. Domani si celebra l'Epifania, che tutte le feste porta via. In Puglia sarà resa suggestiva dalla neve

La Befana. (foto com.) ndr.

di Massimo Resta 

RUVO DI PUGLIA (BA), 5 GEN. - Partito il conto alla rovescia per la conclusione delle festività natalizie e di fine anno a Ruvo di Puglia. Termineranno domani con la celebrazione dell'Epifania, cioè dell'arrivo dei tre re Magi al cospetto di bambin Gesù e della Befana, la simpatica vecchina che porta doni a grandi e piccini. Ma forse sono pochi coloro che sanno il vero significato di questa festività. L'Epifania è una festa cristiana che viene celebrata 12 giorni dopo il Natale. Il 6 gennaio per le chiese che seguono il calendario gregoriano (principalmente occidentali) e il 19 gennaio per quelle che seguono invece il calendario giuliano (molte chiese orientali). Il termine Epifania deriva dal verbo greco antico epifanomai e significa letteralmente “Mi rendo manifesto”. Già dai tempi del secondo Patriarca di Costantinopoli, però, la festività dell’Epifania venne anche legata alla Natività di Gesù ed, in particolare, all’adorazione dei Magi, che grazie alla apparizione della stella cometa riescono a raggiungere la capanna in cui era venuto al mondo il bambinello. Nonostante l’Epifania sia quindi una celebrazione cristiana, con il passare del tempo ha assunto aspetti a tratti folkloristici e a tratti tradizionali rendendola una vera e propria festa civile. Insieme alle usanze legate alla religione, infatti, in alcuni Paesi si associa la giornata del 6 gennaio anche ad altri avvenimenti. Quello che meglio conosciamo è sicuramente l’arrivo della Befana. La figura della Befana ha origine in una corruzione lessicale del greco epifàneia in bifanìa o befanìa: ciò ha dato vita alla tradizione folkloristica di una vecchia brutta ma buona che porta doni ai bambini il 6 gennaio. Un Babbo Natale in gonnella protagonista di una festa celebrata quasi esclusivamente in Italia, luogo in cui ha avuto anche origine. I bambini ruvesi, dunque, domani mattina troveranno una calza piena di leccornie e di giochi. Ma non solo. Al loro risveglio troveranno la neve che dovrebbe cominciare a cadere già da stasera, ricoprendo il paese. Neve pane recita un antico detto. Nel senso che la neve è apportatrice di ricchezza e di prosperità.





Nessun commento