Ultim'Ora

Marina Militare. Accademia di Livorno: diventare professionisti del mare

La Scuola Ufficiali della Marina a Livorno. (foto M. M.) ndr.

di Daniele Lo Cascio

LIVORNO, 31 GEN. - Con la pubblicazione della Gazzetta Ufficiale (nr.2 del 10.01.2017 – 4a Serie Speciale), è iniziata la campagna arruolamenti dei futuri ufficiali della Marina Militare, che avrà termine il prossimo 9 febbraio. Per l’anno 2017 sono 115 i posti a concorso per l’accesso alla 1^ classe dei corsi normali dell’Accademia Navale di Livorno, l’Università del Mare che, con sette corsi di laurea specialistica e svariati indirizzi professionali, offre un’opportunità formativa unica per ragazzi e ragazze che vogliono investire da subito sul proprio futuro per diventare professionisti del mare. Sabato 4 febbraio 'Open Day' presso l'Accademia Navale di Livorno che aprirà le sue porte a tutti coloro che vorranno conoscere da vicino la vita degli allievi ufficiali della Marina Militare, offrendo l'opportunità di visitare l'Istituto di formazione nel pieno della sua attività. In questa occasione, gli allievi e gli Ufficiali dell'Accademia Navale risponderanno direttamente a domande e curiosità.
F. Terlizzese in esercitazione. (foto M. M.) ndr.
La Gazzetta Meridionale ha intervistato per voi lettori l'allievo di 1^ classe (CP) TERLIZZESE Francesco, di Palo del Colle (BA), attualmente frequentatore la 1^ classe dei corsi normali dell’Accademia Navale di Livorno e appartenente al Corpo delle Capitanerie di Porto. 
Da quanto sei qui a Livorno? Sono arrivato a Livorno il 31 agosto 2016 da quando mi sono arruolato in Accademia Navale. 
Che specializzazione hai scelto? Ho scelto corso di laurea che dura 5 anni al termine del quale conseguirò una laurea in Scienze del governo e dell'amministrazione del mare per iniziare subito dopo la carriera vera e propria come Ufficiale presso una delle Capitanerie di Porto Italiane. 
Come mai l'idea di entrare in Accademia Navale? In Puglia è molto diffusa l'idea di entrare in Marina Militare ma per quanto mi riguarda è stata una motivazione del tutto personale nata all'inizio del quinto anno di liceo (lo scientifico Scacchi di Bari) quando ho maturato questa motivazione in quanto mi sembrava la migliore prospettiva formativa e di crescita per il mio futuro pensando che, e così è stato, qui in Accademia si può coniugare un miglioramento sia dal punto di vista caratteriale e comportamentale che della preparazione fisica quindi si ha un percorso di crescita a 360º. Qui si hanno grandi prospettive di vita e di lavoro nel futuro a lungo termine, queste prospettive a tutto tondo mi hanno convinto ad entrare in Accademia: il percorso formativo si conclude con una laurea magistrale conseguita presso l'Università di Pisa con docenti che vengono in Accademia a tenere regolarmente lezione ove ci sono apposite aule dotate di tutta la strumentazione. 
Che lingue straniere si studiano? Dal primo anno si studia la lingua inglese con particolare attenzione al lessico e all'ambito strettamente professionale e tecnico che ci servirà una volta a bordo, l'inglese è infatti la lingua impiegata nelle comunicazioni tra le flotte di tutti gli stati, negli anni successivi è possibile anche studiare il francese e lo spagnolo. 
Com'è la giornata tipo di un allievo Ufficiale in Accademia? La nostra giornata inizia con una sveglia alle 6.25 a seguito della quale si fa un'ora di sport, di solito corsa o nuoto, poi cinque ore di lezioni universitarie, dopo pranzo altre due ore di attività sportiva che possono essere corsa, nuoto, canottaggio, vela o altre attività prettamente marinaresche o ancora esercitazioni al poligono di tiro. Dalle 17 alle 19,30 attività sportiva facoltativa per chi fa parte della rappresentativa della selezione degli sport di squadra oppure studio delle varie materie universitarie. La sera dopo cena è un momento di libertà in cui si vive l'Accademia e si intrattengono rapporti sociali tra di noi e con i membri delle altre classi. 
A seguito dell'emergenza profughi nel Mediterraneo questa professione si sta delineando con caratteristiche un po più variegate rispetto al passato? Questa sfaccettatura non è del tutto nuova in quanto è una caratteristica intrinseca della nostra professione, nel marinaio la solidarietà è intrinseca nei confronti della vita umana in mare e fa parte anche della mia specialità della Capitaneria di Porto, la salvaguardia della vita umana sempre e non soltanto nei momenti di emergenza. Una intervista che la dice tutta sulla realizzazione che un giovane, che sta vivendo già da sei mesi questa realtà formativa, sta provando. L'Accademia Navale di Livorno continua ad essere in Italia una struttura di prestigio e di riferimento nella formazione dei professionisti del mare. Variegata la sua offerta formativa: gli Ufficiali possono conseguire infatti lauree diverse a seconda del corpo di appartenenza: in Scienze Marittime e Navali per il Corpo di Stato Maggiore, in Ingegneria Navale, Ingegneria civile ed ambientale, Ingegneria delle Telecomunicazioni per il Corpo del Genio della Marina, in Medicina e Chirurgia per il Corpo Sanitario Militare Marittimo, in Giurisprudenza per il Corpo di Commissariato Militare Marittimo ed in Scienze dell’Amministrazione e Governo del Mare per il Corpo delle Capitanerie di Porto. Pilota di aeromobili, incursore, palombaro, fuciliere di Marina, sommergibilista, idrografo, ingegnere, tecnico specialista, medico, qualunque sia la specialità scelta, la formazione degli Ufficiali di Marina è incentrata sul patrimonio storico, culturale, morale e professionale che caratterizza il mestiere del marinaio e contraddistinta dall’innovazione continua degli strumenti e dei contenuti didattici, sviluppati in simbiosi con il mondo universitario, per consentire ai giovani di maturare la piena consapevolezza di costruire il futuro della Marina e del Paese. Restano ancora pochi giorni per provare ad intraprendere la carriera di Ufficiale della Marina Militare e presentare la domanda. Il bando di concorso, pubblicato con la Gazzetta Ufficiale Nr. 2 del 10 gennaio 2017 – 4ª Serie Speciale, terminerà il 9 febbraio. Potranno presentare la domanda tutti i giovani di età compresa tra i 17 ed i 22 anni non ancora compiuti, in possesso di cittadinanza italiana, di un diploma di Scuola Media Superiore, oppure in procinto di conseguirlo alla fine del corrente anno scolastico.

Sito per la compilazione della domanda di partecipazione al concorso: http://concorsi.difesa.it/mm/accademia/2017/Pagine/home.aspx




Nessun commento