Ultim'Ora

Molfetta (Ba). Un’altra tappa del progetto “train…to be cool”:  piu’ di trecento studenti presenti all’Istituto tecnico “Monsignor Antonio Bello” [CRONACA DELLA P:S. ALL'INTERNO]

Una immagine dell'incontro. (foto P.S.) ndr.

di Redazione

MOLFETTA (BA), 26 GEN. (Comunicato St.) - Continua il percorso del progetto “Train…to be cool” attuato dal Compartimento di Polizia Ferroviaria per la Puglia, la Basilicata ed il Molise di Bari, diretta dal Dirigente Superiore Dott. Giancarlo Conticchio, con gli incontri nelle scuole; questa volta tappa a Molfetta presso l’Istituto Tecnico “Monsignor Antonio Bello” dove il dirigente scolastico, dott.ssa Maria Grazia Pugliese, e la professoressa Fiorella Lepore, hanno organizzato un incontro con la Polizia Ferroviaria coinvolgendo più di 300 studenti. Si è parlato di prevenzione dell’incidentalità ferroviaria, bullismo in riferimento al lancio sassi e posa massi sui binari, ma anche dei tanti rintracci di persone scomparse (nr.65 nel 2016) e solidarietà per i senza fissa dimora presenti in stazione. In ultimo un ricordo del giovane Nicolas De Santis, travolto da un treno nel dicembre del 2015 a Trani: la lettura di una poesia scritta dal ragazzo ha rappresentato un momento di riflessione e commozione. 

- Ieri pomeriggio, a Bari, la Polizia di Stato ha arrestato un giovane barese di 23 anni, con precedenti di polizia, ritenuto responsabile dei reati di tentato furto aggravato in abitazione, in concorso con altre persone rimaste ignote, e resistenza a pubblico ufficiale aggravata e continuata. Nell’ambito dell’ordinario e costante servizio di controllo del territorio, in zona Santo Spirito, un equipaggio della Squadra Volante è stato allertato da alcuni cittadini che, poco prima, avevano notato due persone che si allontanavano frettolosamente da un appartamento, ubicato in un complesso abitativo, scavalcando un muro di cinta; uno dei due era munito di un arnese in ferro di notevoli dimensioni, presumibilmente un piccone. I poliziotti si sono immediatamente posti alla ricerca dei rei ed hanno individuato un’autovettura con un uomo alla guida che, alla vista della pattuglia, non si è fermato all’alt intimato dagli agenti ed ha aumentato la velocità, cercando di guadagnare la fuga. Ne è scaturito un inseguimento, durante il quale il fuggitivo ha effettuato numerose manovre pericolose per l’incolumità degli utenti della strada, terminato lungo la SS16 quando i poliziotti sono riusciti a fermare l’auto, bloccare il conducente e trarlo in arresto. Nella sua vettura è stato rinvenuto e sequestrato un arnese in ferro, di notevoli dimensioni, corrispondente alla descrizione fornita dai cittadini che avevano segnalato l’accaduto. Dopo le formalità di rito l’arrestato è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.





Nessun commento