Ultim'Ora

Taranto. Contro l'omofobia il "Villaggio delle Differenze"

La conferenza stampa (foto di L. Manna)
"Subito una legge su omofobia"

di Luciano Manna

TARANTO, 21 GEN. - Si è tenuta stamane la conferenza stampa “Taranto: cosa c’è di diverso?” convocata dall'Associazione Culturale Hermes Academy Onlus ed il Comitato Territoriale Arcigay Taranto in cui sono intervenuti Titti De Simone (Consigliera del Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, per l’attuazione del Programma), Luigi Pignatelli (presidente di Arcigay Taranto ed operatore culturale), Rosa Perrucci (Arcilesbica Mediterranea) che denunciano ancora una volta l'urgenza di una legge nazionale contro l'omofobia e faranno cenno alla legge regionale su cui la Consigliera sta lavorando assieme alle associazioni LGBTQI pugliesi. Inoltre sabato 21 gennaio parte l’ottava edizione di "Cogito ergo (non) sum", una rassegna promossa dall'Associazione Culturale Hermes Academy Onlus e dal Comitato Territoriale Arcigay Taranto, in collaborazione con diversi istituti della provincia ionica, l’ANPI di Martina Franca e la Libreria Ubik di Taranto, e commemora tutte le vittime dell'Olocausto. La rassegna si svolge a cavallo della "Giornata Internazionale della Memoria" che si celebra il 27 gennaio.
Luigi Pignatelli, in merito ad una aggressione subita pochi giorni fa durante un banchetto di sensibilizzazione in piazza, tranquillizza gli animi senza però sminuire la serietà dell'episodio viste le responsabilità di chi si è reso triste attore nella vicenda. "Quei ragazzini probabilmente non conoscono neanche il significato della parola omofobia. Mi preoccupano le persone adulte che incitavano loro a proseguire con gli insulti nei miei confronti, loro sono omofobi, non i ragazzini", ha raccontato oggi il presidente di Arcigay Taranto. Sullo stesso episodio era intervenuta anche la presidente della Camera Laura Boldini che si è espressa con le seguenti parole: "solidarietà al presidente dell'Arcigay di Taranto, vittima di un vergognoso episodio di violenza. Le differenze sono un valore. Subito la legge sull'omofobia".
Nel suo intervento la rappresentante della regione Puglia, Titti De Simone, conferma l'impegno del governo regionale sulle problematiche rappresentate dagli episodi di omofobia. Ricorda che Taranto è una città accogliente e che ha ospitato la scorsa estate l'eccezionale evento del "Puglia Pride" dimostrando grandissima partecipazione e coinvolgimento con tutte le realtà locali. Riprendendo l'intervento della presidente Boldrini e sottolineando l'esigenza di una legge, Titti De Simone conferma l'impegno della regione Puglia che è già al lavoro su una bozza per la proposta di legge che probabilmente sarà approvata dal consiglio regionale pugliese entro il 2017. La legge prevederà, spiega la De Simone, alla messa in campo di una serie di azioni positive e concrete sul piano delle politiche pubbliche regionali per ciò che concerne prerogative e funzioni che sono proprie degli enti locali e della regione in materie che vanno dalle politiche del welfare a quelle della sanità. Titti De Simone conclude il suo intervento sostenendo che "è importante che la regione metta in campo questo genere di interventi ed è altrettanto importante che si lavori nel campo dell'educazione e della cultura coinvolgendo anche il mondo della scuola con gli insegnanti, dirigenti scolastici e famiglie affinché le nuove generazioni crescano senza muri nella testa". Dello stesso tenore l'intervento di Rosa Perrucci che ribadendo l'importanza della legge specifica sull'omofobia ci tiene a precisare chi sono i soggetti che subiscono le espressioni violente nella società in cui viviamo. La rassegna "Cogito ergo (non) sum" continuerà fino al 30 gennaio, con cineforum, presentazioni di libri, letture teatralizzate e molto altro a Taranto e provincia. Per visionare il calendario completo delle iniziative consultare il sito www.hermesacademy.blogspot.it









Nessun commento