Ultim'Ora

Teatro. LA TEMPESTA di Iannone, un valido esempio di danza contemporanea

Una immagine dello spettacolo. (foto M.C.) ndr.

di Maria Caravella

BARI, 23 GEN. - Una scenografia semplice ma di effetto ha accolto il pubblico del Nuovo Abeliano di Bari per la stagione della danza del Teatro Pubblico pugliese. Tante barchette di carta, di colori e forme diverse come quelle che una volta i bambini realizzavano per i loro giochi, sono disposte quasi a tappeto e tante altre sospese in alto pronte ad essere calpestate e disfatte dai ballerini che irruenti entreranno in scena. Si tratta della messinscena di una coreografia ispirata a LA TEMPESTA di William Shakespeare balletto ispirato all'opera di uno dei piu grandi commediogafi di tutti i tempi. La performance con musiche composte e dirette da Grazia Bonasia; drammaturgia di Cinzia Mela; costumi Michele di Napoletano e lighting designer di Fabio Rossi; con Orazio Caiti, Claudia Gesmundo, Enrica Mongelli, Donato Barile, Vera Sticchi e con l’Ensemble “Il mondo della Luna” - Vittoria Didonna, Domenico Masiello, Eliana De Candia, Vincenzo Longo e Betty Angiuli. Coreografie e regia di DOMENICO IANNONE ha letteralmente incantato il pubblico presente. L'originale balletto creato per la celebrazione del quarto centenario della scomparsa di Shakespeare e portato in scena dalla compagnia Altradanza, propone alcune delle Tematiche più importanti della poetica shakespeariana in quanto sommate e approfondite nell'ultima delle sue opera "LA TEMPESTA". Attraverso una seducente coreografia vengono portati in scena gli estremi dei sentimenti umani rendendoli assoluti nelle sue espressioni e soprattutto in quelle degli uomini nei confronti dei quali, lo scrittore inglese concentra l'attenzione del lettore e su di essi il dramma stesso. In questo contesto l'approfondimento e la transazione diventano racconto, un racconto muto, la cui comprensione viene supportata da approfondite ricerche sonore in sintonia alle studiate coreografie, che rendono il balletto estremamente coincolgente. Mettendo così in scena un esempio significativo della danza contemporanea.





Nessun commento