Ultim'Ora

Auto. Jeep Renegade 2.0 Multijet 4WD Trailhawk provata su strada

Jeep Renegade 2.0 Multijet 4WD Trailhawk. (foto) ndr.

di Redazione

ROMA, 10 FEB. (INFOMOTORI) - La Jeep Renegade è un suv compatto una dalla linea molto originale e squadrata. La vettura viene prodotta dalla marca americana controllata dal Gruppo FCA nello stabilimento italiano di Melfi. Infomotori ha provato la versione top di gamma: la Jeep Renegade 2.0 Multijet 4WD Trailhawk che ha un prezzo base di 32.800 euro Il rilancio del marchio Jeep nel Vecchio Continente dipende in maniera considerevole dall’andamento delle vendite della Jeep Renegade, crossover dalle dimensioni contenute ma dai contenuti piuttosto ricchi specie nella versione 2.0 Multijet Trailhawk 4WD con 170 CV che monta di serie un cambio automatico a 9 rapporti. 

LE NOSTRE IMPRESSIONI SULLA JEEP RENEGADE 2.0 MULTIJET TRAILHAWK 4WD

Vista da fuori questa Jeep Renegade appare originale poiché unisce alle linee squadrate in stile americano alcuni particolari che ne addolciscono i lineamenti come i fari tondi frontali e la mascherina a sette losanghe (proprietà di Jeep). Molto belli i cerchi in lega da 17 pollici che risaltavano nettamente sulla vernice arancione (Omaha Orange) disponibile come optional a 450 €. Si sale a bordo piuttosto comodamente e la visibilità anteriore è ottima, merito proprio di quel muso squadrato che dà un’idea immediata degli ingombri. Posteriormente, invece, abbiamo qualcosa da ridire visti i montanti posteriori ingombranti ed il lunotto posteriore piccolo. Per fortuna in questa versione i sensori parcheggio sono di serie ed aiutano molto nelle manovre. Le dimensioni della Jeep Renegade sono abbastanza contenute, l’aspetto muscoloso della vettura la fa sembrare più imponente, ma la lunghezza è di 426 cm con un’altezza di 181 cm. Il bagagliaio, un po’ alto da terra, ha una capacità di 351 litri. La Trailhawk presenta dunque ingombri contenuti comodi per la città e per trovare parcheggio, ma allo stesso tempo può ospitare tranquillamente cinque passeggeri. Dal punto di vista degli optional la Jeep Renegade provata aveva una dotazione ben completa che, però, ha fatto lievitare il prezzo che di base parte già da 32.800 €. Gli interni in pelle costano 1.100 €, altri 500 € per il navigatore, 300 € per il Lane Departure Warning (optional molto comodo che corregge la traiettoria in caso di superamento della linea che separa le carreggiate) e 400 € per l’avviamento keyless che viene offerto con il Functional Pack. Il totale va quindi a superare quota 35.000 €, non una cifra alla portata di tutti. Comunque la gamma Renegade parte da 23.500 € per la versione a benzina con trazione anteriore. 

SU STRADA CON LA JEEP RENEGADE 2.0 MULTIJET TRAILHAWK 4WD 

I 170 cv del motore 2.0 Multijet sono una potenza che dà una certa sicurezza nella guida di questa Renegade Trailhawk specie nelle manovre di sorpasso e nei viaggi a pieno carico. La massa della vettura è di 1.610 kg che non sono di certo pochi ma con la potenza a disposizione non sono d’intoppo. La Jeep Renegade non è comunque una vettura sportiva, ma ben si adatta ai lunghi viaggi autostradali. La ripresa e l’accelerazione sono buone, un po’ lento a volte il cambio specialmente quando deve scalare marcia se si richiede più sprint. La Jeep Renagade Trailhawk ha la possibilità di inserire le quattro ruote motrici per affrontare percorsi sterrati. La discreta altezza da terra permette anche qualche azzardo in offroad più difficili, ma questa Renegade 4×4 non è comunque un vero e puro fuoristrada. La peculiarità di questa vettura è comunque la possibilità di adattare la risposta della trazione integrale al tipo di fondo (Sand/Mud, Sport, Snow e Rock). La tenuta di strada è molto buona specie viaggiando con la trazione integrale inserita, si avvertono, invece, alcuni fruscii ad andatura elevata per colpa della linea squadrata. I consumi della Jeep Renegade sono solo sufficienti, andando con un piede leggerissimo a 110 km/h in autostrada si sfiorano i 15 km/litro, ma se si viaggia a 130 km/h si sta sugli 11. Molto bene l’impianto frenante che ha un comportamento costante anche se soggetto ad un uso prolungato. Insomma questa Jeep Renegade la consigliamo a chi magari abita in campagna e percorre spesso strade dissestate o sterrate. Non è un fuoristrada puro, ma permette di affrontare con serenità anche le gite in offroad divertendosi a superare percorsi che sue rivali preferiscono evitare. Pro Linea originale Visibilità anteriore Abitacolo ben progettato Posto di guida molto comodo Contro Cambio non eccezionale Visibilità posteriore Fruscii a velocità sostenute Consumi migliorabili.





Nessun commento