Ultim'Ora

Bari. Allo Sheraton, "il Coro del Faro" diretto dal Maestro Lepore, si esibisce in un concerto vincente

Una immagine del concerto. (foto com.) ndr.

di Maria Caravella

BARI, 2 FEB. - Il Maestro Paolo Lepore, in barba alla crisi dei finanziamenti al mondo dello spettacolo, si attiva con successo mettendo in atto strategie vincenti, anziché piangersi addosso come fanno molti suoi colleghi. Cavalcando l'onda che da sempre ha contraddistinto la città di Bari con la presenza di molti cori amatoriali, Lepore in pochissimo tempo ne ha costituito uno tutto suo: "il Coro del Faro", nome ispirato alla location della prima sede dove i coristi si incontravano per le prove, proprio nella "zona del faro". I coristi, più di 160 elementi tra uomini e donne di ogni età, si riuniscono almeno una volta alla settimana per le prove. Come afferma il Maestro Lepore, la maggior parte di loro, non sa leggere la musica, ma canta per imitazione. Tutti provengono da ceti sociali e attività lavorative variegate, anche se tra loro prevalgono i pensionati, che in questa attività amatoriale hanno trovato una passione da coltivare e soprattutto realizzato se stessi, sfuggendo a percorsi obbligati che la società impone, come ad esempio la classica frequenza delle Università della terza età. Si tratta comunque di un impegno notevole, perchè il maestro Lepore al di là della sua simpatia e giovialità, professionalmente è molto esigente. Il costo richiesto invece è minimo, poco più di 10 euro mensili, giusto un contributo simbolico, ma considerando il numero elevato dei coristi diventa una cifra apprezzabile per sovvenzionare le necessità del coro sotto tutti gli aspetti. Nell'avvicendarsi dei concerti, ad affiancare il coristi ci sono sempre solisti di valore, di solito professionisti. In questo caso durante il concerto allo Sheraton di Bari, si sono esibiti con Chorus Jazz Orchestra, i talentuosi: Stefania Dipierro, Giulia Calfapietro, Mariagrazia Trentadue, Fabio Lepore e Antonio Stragapede. In programma un repertorio di tutto rispetto, che ha coinvolto ed emozionato il numeroso pubblico in sala: VANGELIS Comquest oh Paradise, PINK FLOYD In the Wall, BIZET Toreador da Carmen,COHEN Halleluia, LENNON Imagine, MERCURY We are the Champion, PUCCINI Coro a bocca chiusa da Butterfly, NUMHAUSER Todo Cambia, SARTORI Con te partirò, BERNSTEIN da West Side Story: Maria, I feel pretty, Somewere, Tonight, America, RICE/WEBBER JesusChriste Superstar, MACDERMOT/RADO Acquarius, WEBBER Don't cry for me Argentina, MACDERMOT/RADO Let the sunshine in, JACKSON We are the world. Come quasi sempre accade, anche questa volta Paolo Lepore è riuscito a realizzare il sold out, con pubblicità a costo zero. E' stato vincente il passaparola tra amici, parenti e conoscenti dei coristi, per raggiungere con grande soddisfazione tale importante risultato: cantare con il teatro pieno e con il sostegno di un pubblico caloroso, felice di applaudire oltre ai bravi solisti, anche i propri cari, impegnati in questa attività degna di considerazione. Un risultato vittorioso, nato da un progetto altrettanto vincente, che dona lustro alla città di Bari, al mondo della musica e della cultura del nostro territorio.





Nessun commento