Ultim'Ora

Bari. L’Esercito fa sventolare il tricolore in piazza

Panoramica dell'Alzabandiera. (foto E.I.) ndr.

di Redazione

BARI, 6 FEB. (Comunicato St.) - Sul suggestivo sfondo del lungomare monumentale di Bari, questa mattina si è svolta la rituale cerimonia dell'Alzabandiera, alla presenza del Generale di Brigata Mauro Prezioso, Comandante territoriale dell’Esercito in PUGLIA, del Vice Sindaco di Bari, dott. Vincenzo Brandi, delle associazioni combattentistiche e d’arma e di una folta rappresentanza di studenti. Le note del “canto degli italiani” sono state intonate dalla banda della Brigata Meccanizzata “Pinerolo” ed accompagnate dalla voce tonante del tenore maestro Antonio Stragapede e della soprano Catia Barile, mentre un plotone in armi del Presidio Militare Interforze di Bari rendeva gli onori al vessillo nazionale che, issandosi, garriva al vento. Oltre al tricolore veniva innalzato, da una rappresentanza della polizia locale di Bari, il vessillo cittadino, nei tradizionali colori bianco e rosso. Il Generale Prezioso, ha evidenziato come il senso di appartenenza alla Patria si costruisca attraverso valori e rituali. Valori come dovere, sacrificio, amor Patrio, e rituali come quello dell’Alzabandiera. L’Esercito condensa queste peculiarità, tant'è che nell'immaginario collettivo si identifica con la stessa idea di Patria. Al termine della cerimonia, dopo un breve concerto della Banda della Brigata “Pinerolo”, sono stati consegnati degli attestati di riconoscimento a personalità che nel corso del 2016 si sono distinte per aver partecipato attivamente ad attività organizzate dal Comando Militare Esercito “Puglia”. Successivamente, presso la Caserma “D. Picca” sede del Comando Esercito Puglia, è stata tenuta una conferenza di orientamento agli studenti intervenuti alla attività provenienti dagli Istituti Superiori “Vivante” e “Cirillo” di Bari. La cerimonia barese, viene di volta in volta organizzata da una Forza Armata o corpo Armato diverso, sotto il coordinamento del Comando Scuole/3 Regione Aerea.





Nessun commento