Ultim'Ora

Bari. Operazione dei carabinieri di Santo Spirito. Un arresto per porto illegale di arma da fuoco

La pistola sequestrata. (foto cc.) ndr.

di Redazione

BARI, 11 FEB. (Comunicato St.) - Si stringe la morsa dei controlli effettuati dai carabinieri di Santo Spirito su tutto il territorio di competenza del comando Stazione. Aumentano infatti i servizi a largo raggio e le pattuglie sul territorio con la particolare finalità di colpire la criminalità organizzata sulle proprie risorse economiche primarie, ovvero sottraendo le partite di stupefacente che vengono immesse sul mercato e le armi, strumento di imposizione della presenza sul territorio, sia nei confronti delle vittime che di gruppi avversari con i quali sovente sorgono rivalità. L’obbiettivo principale è quello di proseguire nell’azione di contrasto con l’ulteriore aumento di pattuglie sul territorio e l’esecuzione di mirati servizi di polizia giudiziaria. È in questo contesto operativo che è maturato, nel tardo pomeriggio del 4 febbraio u.s., l’arresto di un soggetto residente nel territorio della Stazione Santo Spirito, sorpreso mentre trasportava una pistola semiautomatica perfettamente funzionate e completa di caricatore. L’arresto, eseguito dopo un lungo inseguimento iniziato per le strade di San Pio e terminato nel limitrofo quartiere Torricella, ha consentito di assicurare alla giustizia l’incensurato B.A. cl ’94, il quale stava trasportando, abilmente occultata nell’abitacolo, una pistola Beretta semiautomatica, calibro 7,65, in perfette condizioni e munita di caricatore con 6 colpi, provento di furto. . L’operazione, considerata la pericolosa fuga posta in essere dal malvivente per le affollate strade del quartiere Torricella, è stata possibile solo grazie alla fermezza dei carabinieri e alla loro capacità di proseguire in sicurezza nell’inseguimento, tutelando comunque l’incolumità degli altri utenti della strada. Il segnale di allerta in ordine alla presenza ed al reclutamento di potenziali “nuove leve” sul territorio, è dato anche dal fatto che, l’arresto di un incensurato trovato in possesso di armi da fuoco, non rappresenta un caso isolato. Gli stessi militari della stazione Santo Spirito infatti agli inizi dello scorso ottobre, hanno tratto in arresto un minore nel quartiere San Pio, sorpreso in possesso di una pistola perfettamente funzionante e munita di proiettili; un giubbetto antiproiettile, radio ricetrasmittente, alcuni grammi di stupefacente di vario tipo e denaro contante. L’azione di contrasto verso queste pericolose forme di criminalità proseguirà incessante e con la finalità di anemizzare il potenziale offensivo della criminalità organizzata locale. 

Rapina ad anziana a Casamassima. (foto cc.) ndr.
CASAMASSIMA (BA): RAPINANO IN CASA UN’ANZIANA. ARRESTATO UNO DEGLI AUTORI 

Ieri sera a Casamassima, una vedova di 92 anni è stata aggredita e picchiata da due malviventi che pretendevano consegnasse loro tutti i soldi che aveva in casa. La donna, che vive da sola in un appartamento della cittadina, è stata attirata alla porta con una scusa e, dopo averla aperta, è stata colpita da uno dei delinquenti. I malfattori si sono così introdotti nell’abitazione dell’anziana donna e, nel mentre uno dei due razziava i vari oggetti in oro custoditi nella stanza da letto, l’altro, dopo averla strattonata e scalciata, le sfilava violentemente l’anello nunziale dal dito. Subito dopo l’accaduto, l’anziana donna riusciva a dare l’allarme di quanto accaduto al 112. La Centrale Operativa dei Carabinieri ha così immediatamente fatto convergere tutte le pattuglie disponibili, che hanno rastrellato in lungo e in largo il paese. Grazie alla determinazione dei militari intervenuti ed alla descrizione fornita dall’anziana donna, si è giunti ad individuare uno dei due malfattori, tale SUMMA Tommaso, 42enne di Casamassima, già noto alle Forze di Polizia. Rintracciato, aveva con se parte della refurtiva in oro, che, dopo il riconoscimento, è stata restituita all’anziana signora. La vittima nel frattempo è stata medicata dal personale del “118” per le lesioni e abrasioni ricevute. Fortunatamente se l’è cavata con qualche contusione e con un grande spavento. L’uomo arrestato per rapina, è stato posto agli arresti domiciliari. Il complice ha le ore contate.





Nessun commento