Ultim'Ora

“Bari vecchia”. Carabinieri: Arrestato giovane in fuga imparentato con la famiglia Capriati [CRONACA DEI CC. ALL'INTERNO]

Posti di controllo dei cc. a BAri vecchia. (foto cc.) ndr.

di Redazione

BARI, 3 FEB. (Comunicato St.) - Da due mesi aveva fatto perdere le proprie tracce. Ieri, a conclusione di una mirata indagine, i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Bari, dopo un rocambolesco inseguimento a piedi tra i vicoli di “Bari vecchia”, lo hanno arrestato e portato al carcere minorile “Fornelli” di Bari. Si tratta di un 17enne, imparentato con la famiglia Capriati. Il 3 dicembre scorso, mentre stava scontando un anno ed otto mesi di reclusione (poiché era stato trovato durante i festeggiamenti di San Nicola con una pistola addosso) presso la Comunità per minori di Lecce, era scappato via, facendo perdere le proprie tracce. Ieri pomeriggio, quando forse si sentiva al sicuro tra i vicoli familiari del quartiere San Nicola, l’amara sorpresa. Alla vista dei Carabinieri in borghese del Nucleo Investigativo che erano sulle sue tracce, ha iniziato a fuggire tra il dedalo di viuzze. Inseguito a piedi, è stato bloccato ed arrestato. Su di lui pesa un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa il 16 dicembre scorso dalla Corte di Appello di Bari - Sezione Penale Minorile, su richiesta della locale Procura Generale della Repubblica, proprio a seguito della sua evasione. 

Posti di controllo dei cc. ad Andria. (foto cc.) ndr.
ANDRIA (BT): CONTROLLO DEL TERRITORIO. 1 ARRESTO, 3 DENUNCE E “SCOVATI” 13 ASSUNTORI DI DROGHE DAI CARABINIERI 

Continuano incessanti i servizi di prevenzione e repressione dei reati che la Compagnia dei Carabinieri di Andria ha intensificato nei primi giorni dell’anno. In particolare, sono stati organizzati ed eseguiti posti di controllo nei pressi dei principali locali notturni e sulle principali arterie stradali del comune federiciano, nonché quelle dei comuni di Minervino Murge e Spinazzola, utilizzando anche gli apparati etilometrici in dotazione. Nel corso di uno speciale servizio di controllo del territorio, in totale sono stati 20 gli uomini dell’Arma scesi in campo per garantire sicurezza con il potenziamento dei servizi serali, che hanno consentito di identificare 91 persone e controllate circa 60 autovetture. Intensificata anche l’attenzione su persone pregiudicate, in particolare su quelle sottoposte al regime degli arresti domiciliari ed alla sorveglianza speciale di Pubblica Sicurezza. I capillari controlli nel centro storico andriese, hanno consentito ai militari di trarre in arresto un pregiudicato, I.A., 66enne del luogo, su ordine di carcerazione, per tentata estorsione continuata nel tempo. Denunciate a piede libero anche tre persone per guida in stato di alterazione psicofisica conseguente all’uso di alcoolici. Ancora, sono state individuate ben 13 persone, appartenenti alla fascia di età compresa tra i 19 ed i 30 anni, nell’atto di consumare o detenere modici quantitativi di sostanze stupefacenti, c.d. “leggere”: gli stessi sono stati segnalati alla Prefettura di Barletta-Andria-Trani quali assuntori di sostanze stupefacenti, cui venivano sequestrati nel complessivo dieci grammi di marijuana e sei grammi di hashish. 

La droga sequestrata. (foto cc.) ndr.
MOLFETTA (BA): CARABINIERI. GESTIVANO IN CASA MERCATO DELLA DROGA. TROVATI IN POSSESSO DI OLTRE MEZZO CHILO DI “MARIJUANA”, SONO STATI ARRESTATI TRE GIOVANI MOLFETTESI 

Detenevano in casa oltre mezzo chilo di marijuana e per questo sono finiti nei guai. È la scoperta fatta l’altra sera a Molfetta dai Carabinieri della locale Compagnia, che hanno arrestato tre giovani del luogo, poco più che venticinquenni , già noti alle forze dell’ordine, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I militari, insospettiti da uno strano viavai di persone, provenienti dall’ appartamento di uno di essi, hanno deciso di effettuare una perquisizione e i sospetti si sono tramutati in prove concrete. All’interno dell’abitazione sono stati trovati i tre giovani intenti a confezionare centinaia di dosi di MARIJUANA, per un peso di circa 300 grammi, già pronta per essere immessa nel mercato locale. All’interno di un armadio veniva rinvenuta una busta di plastica, di grosse dimensione, con all’interno marijuana sfusa per un peso complessivo di ulteriori 300 grammi. Sul tavolo, immancabile, un bilancino elettronico di precisione e numerose bustine, ancora da riempire con la sostanza illegale, il tutto sequestrato insieme alla droga. Inevitabile, a questo punto, l’arresto per i tre giovani che, su disposizione della Procura della Repubblica di Trani, sono stati sottoposti agli arresti domiciliari.





Nessun commento