Ultim'Ora

Bisceglie (Bat). Detenuto domiciliare cerca di eludere il controllo. I carabinieri lo trovano in possesso di droga e di una pistola. Arrestato [CRONACA DEI CC. ALL'INTERNO]

La droga e il materiale sequestrato. (foto cc.) ndr.

di Redazione

BISCEGLIE (BT), 7 FEB. (Comunicato St.) - Alle prime ore del mattino i Carabinieri di Trani hanno arrestato un 38enne italiano pluripregiudicato, detenuto domiciliare, per aver violato la normativa sulla detenzione delle armi e delle sostanze stupefacenti. I fatti sono accaduti a Bisceglie, dove il predetto, nato a Roma, da sempre risiede in un appartamento del centro dove stava scontando la pena detentiva. Tutto è nato da un normale controllo presso l’abitazione: dopo aver suonato più volte al citofono, i Carabinieri si sono insospettiti della mancata presenza del malfattore in casa e per tale motivo hanno atteso l’arrivo di qualche condomino per guadagnare l’accesso dal portone ed entrare nel palazzo. Raggiunta la porta della casa del detenuto domiciliare, hanno notato che la stessa era leggermente aperta e vi era del “movimento” all’interno. Una volta entrati i militari hanno quindi notato l’uomo che cercava di chiudere frettolosamente la tenda del ripostiglio: per tale ragione e per l’evidente nervosismo mostrato, i Carabinieri hanno deciso di vederci chiaro ed operare un’accurata perquisizione dell’appartamento. Come sospettato, dentro il ripostiglio vi era un borsone occultato dietro una grossa bombola di gas, al cui interno veniva rinvenuto un vero e proprio “emporio” di droga nonché una pistola beretta con matricola abrasa e ben 17 proiettili utili per eventuali azioni di fuoco. Data la situazione, il reo e il materiale rinvenuto venivano portati presso la caserma di Trani per quantificare la sostanza stupefacente sequestrata: all’accertamento qualitativo e successiva pesata sono risultati essere 1482 grammi di hashish, 62 grammi di cocaina suddivisa in dosi e 185 grammi di marijuana, il tutto affiancato da copioso materiale per il confezionamento. L’arrestato è stato quindi tradotto presso il carcere di Trani a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Sono in corso tuttora le indagini al fine di identificare eventuali complici e fornitori della sostanza stupefacente. Accertamenti di laboratorio verranno invece effettuati sulla pistola dalla Sezione Investigazioni Scientifiche Carabinieri di Bari allo scopo di verificare se l’arma sia stata usata in qualche fatto di sangue del passato. 

Arrestato complice a S. Spirito. (foto cc.) ndr.
BARI: CARABINIERI. ARRESTATO ANCHE IL SECONDO AUTORE DELLO SCIPPO COMMESSO LO SCORSO 21 NOVEMBRE A SANTO SPIRITO 

Lo scorso 21 novembre, a Santo Spirito due giovani a bordo di uno scooter si avvicinano repentinamente ad una donna e le strappano di dosso la borsa, fuggendo velocemente per le vie cittadine. Pochi istanti dopo lo scippo, la donna allertò i militari della locale Stazione Carabinieri ed una pattuglia che era impegnata nel pattugliamento areale, riuscì ad intercettare lo scooter con a bordo i due malviventi, iniziando così un lungo e pericoloso inseguimento che si conclude al quartiere San Pio con la cattura del solo passeggero del mezzo. Il conducente infatti, quasi saltando dallo scooter in corsa, riuscì a dileguarsi nei vicoli del quartiere facendo perdere le proprie tracce. Concluso l’arresto in flagranza, i militari hanno proseguito le indagini e dopo numerosi appostamenti ed accertamenti incrociati, anche grazie alla conoscenza del territorio e delle persone che lo popolano, nonché all’estrema attenzione al particolare posta nelle fasi dell’inseguimento, sono riusciti a concludere l’operazione eseguendo, una misura cautelare a carico di G.L. classe ’87, già noto alle forze dell’ordine. Per lui si sono aperte le porte del carcere di Bari.





Nessun commento