Ultim'Ora

Cronaca. San Giovanni Rotondo, arrestato 62enne per lesioni aggravate; con se aveva un coltello a serramanico

Aggressione con coltello (foto.com) ndr

di Redazione

SAN GIOVANNI ROTONDO (FG), 6 FEB. (Com. St.). - I Carabinieri della Stazione di Cagnano Varano, in collaborazione con i colleghi del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di San Giovanni Rotondo,  nella mattinata del 1° febbraio scorso hanno arrestato P. G., 62enne del luogo, ritenuto responsabile di lesioni aggravate e porto abusivo di un coltello a serramanico. 
I Carabinieri della Stazione di Cagnano Varano, impegnati in servizio di pattuglia, nella tarda mattinata erano stati allertati dalla stessa vittima, un 43enne del luogo, il quale era stato appena accoltellato alle spalle da una persona a lui nota, identificata poi nell’arrestato. Il loro tempestivo intervento ha permesso di localizzare la vittima all’interno di un esercizio pubblico, situato in una via centralissima del paese, dove è stata soccorsa in attesa dell’arrivo di un’autoambulanza, per mezzo della quale veniva trasportata presso l’ospedale di San Giovanni Rotondo. 
Raccolta sommariamente la sua versione, è seguita la cattura dell’arrestato, che è stato individuato all’interno della sua abitazione, dove si era rifugiato. La successiva perquisizione ha permesso poi di rinvenire l’arma del delitto, un lungo coltello a serramanico sporco ancora di sangue, che è stato sottoposto a sequestro. 
Presso i locali del Pronto Soccorso il ferito, mentre veniva sottoposto ai relativi accertamenti, ha formalizzato la denuncia contro l’arrestato, raccolta dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile  della Compagnia di San Giovanni Rotondo, intervenuti in ausilio a quelli della Stazione di Cagnano. Nella denuncia sono quindi state specificate le fasi dell’aggressione, riconducendola a futili motivi. Allo stesso sono state diagnosticate alcune ferite in varie parti del corpo, giudicate guaribili in gg. 20 s.c.
 L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato riportato alla sua abitazione dove rimarrà agli arresti domiciliari, a disposizione dell’A.G..




Nessun commento