Ultim'Ora

Sanremo: Conti, un onore esserci per 3^ anno, spero Festival forte

Carlo Conti. (foto Agi) ndr.

di Redazione

SANREMO, 6 FEB. (AGI) - E' "un onore essere qui per il terzo anno di seguito. I primi due sono stati Festival forti, di musica e ospiti. Quest'anno spero sia altrettanto". Cosi' Carlo Conti durante la conferenza stampa dell'organizzazione alla vigilia del 67^ Festival di Sanremo. "La musica e' sempre al centro di questo trittico sanremese che ho avuto l'onore di organizzare, pensare e condurre. Abbiamo cercato fatti concreti". Conti ha sottolineato come anche questa volta le Nuove Proposte saranno in avvio di serate del Festival a partire dalla seconda serata, e lo spazio creato apposta per loro. In piu' c'e' la riconferma del Dopofestival, uno spazio importante che dallo scorso anno e' tornato ad accompagnare l'evento. Da Conti, ricordando le sue origine di dj, l'appello alle radio, "dovranno poi far diventare dei grandi successi queste canzoni, e sara' importantissimo il loro lavoro da giovedi' in poi, quando tutti i brani in gara saranno stati eseguiti". La gara prevede che domani e mercoledi' si esibiscano 11 campioni per sera, e alla fine di ciascuna di esse ci saranno tre artisti in 'zona rossa', a rischio eliminazione. E questi sei Big il giovedi' non prenderanno quindi parte alla serata riservata alle cover ma si affronteranno in un torneo a se' stante che vedra' due Big definitivamente eliminati. Venerdi' ci sara' la finale dei giovani, si esibiranno i 20 big rimasti e quattro di questi saranno tagliati fuori dalla finalissima di sabato 11. Il televoto di sabato sera riguardera' i 16 rimasti in gara e poi nuovamente i tre che si contenderanno il successo di questa edizione del Festival. Conti ha anche detto che quest'anno la parte 'start' delle serate proporra' rapide carrellate fatte di brani che non hanno vinto a Sanremo ma che sono diventati successi, in alcuni casi addirittura planetari. Ampio spazio anche a quanti si prodigano per la collettivita', i cosiddetti 'eroi di tutti i giorni': a parte le forze dell'ordine, anche Cri, Soccorso alpino, Protezione civile. E sabato sera collegamento con il contingente italiano nella forza Nato in Kosovo. Ogni sera "la meravigliosa copertina di Crozza, e ringrazio sia lui che Discovery che gli ha dato l'opportunita' di essere con noi prima che parta il suo nuovo programma televisivo". Tra gli altri ospiti annunciati, il trio Brignano-Cirilli-Insinna, "la risposta romana al successo toscano", riferimento al trio composto dallo stesso Conti con Panariello e Pieraccioni, impegnati in un tour teatrale nei palazzetti che sta avendo molto successo. Anzi Conti ha aggiunto "almeno qualche fiorentino di successo resta..". Si sta ancora lavorando per avere ospite Virginia Raffaele. Confermata la presenza del Piccolo Coro dell'Antoniano per festeggiare i 60 anni dello Zecchino d'Oro, come pure - mercoledi' - quella di Francesco Totti. C'e' poi la giuria di esperti presieduta da Giorgio Moroder e che contera' Linus, il direttore d'orchestra Andrea Morricone, Rita Pavone, la dj Giorgia Surina, l'attrice Violante Placido, il regista Paolo Geneovese e Greta Menchi (blogger). La giuria di esperti sara' coinvolta nel sistema di votazione che prevede anche il contributo del pubblico attraverso il televoto (questo decisivo nella finalissima di sabato), dei giornalisti accreditati in sala stampa e della giuria demoscopica. 

- Sanremo: De Filippi, mai pensato di condurre Festival da sola 

Sanremo, 6 feb. - Nel futuro di Maria De Filippi non c'e' un Festival di Sanremo tutto affidato a lei e tutto condotto solo da lei. E' la stessa De Filippi a chiarirlo nel corso della conferenza stampa all'Ariston dell'organizzazione alla vigilia del via alla 67^ edizione della rassegna. Chi te l'ha fatto fare di venire qui?, la domanda alla conduttrice. "Sono venuta a Sanremo perche' quando ti viene chiesto non hai un motivo vero per dire di no, perche' Sanremo lo vedi da casa da quando sei piccola, perche' fai questo mestiere, te lo chiedono.. Non e' un dovere civile, per l'amor di Dio, pero' e' normale per chi fa questo mestiere non avere un motivo per dire di no". E nel ribadire che "non c'e' Sanremo nel mio futuro, mai pensato di condurlo da sola. E per questo nei titoli di testa ho chiesto che sia messo 'conduce Carlo Conti con Maria De Filippi'". Quanto agli ascolti dei prossimi giorni, De Filippi ha sottolineato "non credo esista il pubblico di Carlo e quello di Maria, c'e' quello che segue determinati programmi. Sanremo non ha bisogno della De Filippi. Lo penso seriamente, i dati di ascolto lo dicono, non hanno bisogno dell'apporto mio. Il pubblico che guarda Sanremo e' molto piu' grande di quello che vede i miei programmi".





Nessun commento