Ultim'Ora

Teatro. "Sconcerto rock” con Gene Gnocchi, grande successo all' AncheCinemaRoyal di Bari

Una immagine dello spettacolo. (foto M.C.) ndr.

di Maria Caravella

BARI, 16 MAR. - Gene Gnocchi, nome d'arte di Eugenio Ghiozzi, comico acuto ed intelligente, si è cimentato nella sua lunga carriera artistica in variegati ruoli: conduttore televisivo, cantante, scrittore e persino calciatore. Di Parma, Gnocchi ha iniziato la sua carriera allo Zelig di Milano per poi, arrivare in televisione con il Maurizio Costanzo Show, a cui sono seguiti tanti programmi televisivi come: Quelli che il calcio, La domenica sportiva, L’almanacco di Gene Gnocchi, Matrix e tanti altri, fino ad arrivare alla conduzione del 54° festival di Sanremo al fianco di Simona Ventura. «Sconcerto Rock», in cui Gnocchi è accompagnato dal chitarrista Diego Cassani, non è uno spettecolo finito ma si tratta di un lavoro in corso, dalla struttura modulare, nella quale Gnocchi aggiunge di continuo tematiche di attualità. esilarante spettacolo che vede l'artista nei panni di “The Legend”, un’anziana rockstar tornata sul palco dopo anni di silenzio, nell'intento di migliorare la sua situazione economica. Il ritorno sulle scene però si trasforma in una performance tragicomica, in cui problemi audio, derisione dei musicisti e della stampa, lo mettono alla berlina. Un caleidoscopio di risate, situazioni comiche ed imprevedibili, con tanti momenti di interazione con il pubblico, che dimostra gradire e applaude divertito. Lo spettacolo, avendo una struttura collaudata, consente a Gene Gnocchi di volta in volta di provare dei nuovi monologhi e inserire nuove gag; infatti anche a Bari il comico ha inserito due o tre pezzi nuovi per valutare le reazioni del pubblico. Gnocchi ha portato in scena con successo sul palcoscenico dell'AncheCinemaRoyal, il suo spettacolo, primo dei tre appuntamenti della rassegna «Il cabaret», organizzata da «La Gazzetta del Mezzogiorno» e AncheCinema Royal in collaborazione con Walter Vruz . Ad introdurlo sulla scena e al pubblico barese, il comico nostrano Carlo Maretti. Un concerto in cui si svelano i veri meccanismi di un concerto rock: atto sessuale, rapporto morboso col pubblico e così via ........... L'artista ha nuovamente consolidato l'ottimo rapporto con la città di Bari, ricordando che in passato si è addirittura allenato con la nostra squadra di calcio, ai tempi di Antonio Conte. Di tutti i comici televisivi sicuramente Gnocchi è uno che ha la capacità di sovvertire il senso delle cose mostrando il non senso del mondo. A suo modo, intellettuale e surreale, non fa satira, ne imitazioni e non sguazza nei luoghi comuni della televisione contemporanea. È un artista che racconta il quotidiano forse autobiografico, cercando di far poesia anche delle sciocchezze, trasformando la piccola stupidità del quotidiano e le sue contraddizioni. Prossimi appuntamenti della rassegna Cabaret al Royal da non perdere: 18 marzo Flavio Oreglio, in "E ci chiamano poeti" 23 marzo Paolo Migone in "Completamente spettinato".





Nessun commento