Ultim'Ora

Bari. Assalto a Bancomat in via Papa Pio XII: indagini della P.S. per identificare gli autori del reato [CRONACA DELLA P.S. ALL'INTERNO]

Le banconote recuperate. (foto P.S.) ndr.

di Redazione

BARI, 15 APR. (Comunicato St.) - Questa notte, inoltre, un equipaggio della Squadra Volante è intervenuto, in via Papa Pio XII, a seguito di un tentativo di furto perpetrato presso lo sportello bancomat di un istituto bancario. Gli autori, quattro uomini con volto travisato da passamontagna, giunti a bordo di un’autovettura Audi A6 di colore grigio, dopo aver fatto esplodere lo sportello bancomat utilizzando il metodo della “marmotta” si sono dati a precipitosa fuga a seguito dell’intervento tempestivo dei poliziotti che sono riusciti a recuperare gran parte della refurtiva. Sul posto è intervenuto anche personale della Polizia Scientifica e del Reparto Artificieri per gli accertamenti del caso. Sono in corso indagini per identificare gli autori del reato. 

- Ieri mattina, a Bari, la Polizia di Stato ha tratto in arresto un cittadino nigeriano di 28 anni, con precedenti di polizia, ritenuto responsabile dei reati di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Nell’ambito dell’ordinario e costante servizio di controllo del territorio, i poliziotti della Squadra Volante e del Commissariato di P.S. Bari Nuova – Carrassi sono intervenuti in via Gentile ove era stata segnalata una lite animata tra due cittadini extracomunitari, un uomo ed una donna. Giunti sul posto, gli agenti hanno rintracciato la donna che versava in evidente stato di agitazione, presentava una ferita ad una mano e riferiva di essere stata aggredita dal proprio coniuge. Nell’immediatezza, a poca distanza dal luogo, il personale intervenuto rintracciava l’uomo che, al fine di sottrarsi al controllo di polizia, aggrediva gli operatori dapprima lanciando alcuni oggetti e, successivamente, colpendoli con calci e pugni. Fermato, l’uomo è stato tratto in arresto ed associato presso la locale Casa Circondariale, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. 

- Nel tardo pomeriggio di ieri, a Bari, la Polizia di Stato ha tratto in arresto, in flagranza di reato, VIOLANTE Michele, 31enne con precedenti di polizia anche specifici, ritenuto responsabile di spaccio e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. L’uomo, nel corso di appositi servizi attuati mediante l’impiego di equipaggi moto montati della Sezione Contrasto al Crimine Diffuso denominati “falchi”, è stato sorpreso in una strada del centro cittadino mentre cedeva una dose di marijuana, del peso di circa 1,5 grammi, ad un giovane studente universitario. Il 31enne, dopo essere stato bloccato, è stato sottoposto a perquisizione personale, estesa al proprio domicilio; l’attività ha consentito di rinvenire e sequestrare, complessivamente, 56 grammi di marijuana suddivisa in 54 dosi. Al termine degli accertamenti di rito, l’arrestato è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari, in attesa della celebrazione del rito per direttissima fissato per la mattinata odierna. 

- La scorsa notte, ad Andria, la Polizia di Stato ha tratto in arresto un 40enne con precedenti di polizia per reati contro il patrimonio, già sottoposto alla misura dell’affidamento ai servizi sociali con obbligo di permanenza in casa, ritenuto responsabile dei reati di danneggiamento e furto. Nell’ambito dell’ordinario e costante servizio di controllo del territorio, i poliziotti dell’Ufficio Volanti del locale Commissariato Di P.S. hanno sottoposto a controllo l’uomo che, in violazione delle prescrizioni imposte, è stato rintracciato all’esterno della propria abitazione. Sottoposto a perquisizione personale, è stato trovato in possesso della somma di 315 euro, suddivisa in monete di diverso taglio, ed attrezzi atti allo scasso, celati all’interno di uno zainetto. I successivi accertamenti hanno permesso di appurare che le monete erano state trafugate, poco prima, da alcuni distributori automatici presenti all’interno della locale struttura ospedaliera. Non si esclude che l’uomo possa essere responsabile di altri episodi simili verificatisi di recente. Attualmente il 40enne è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.






Nessun commento