Ultim'Ora

Politica. Dove e come 9 milioni di italiani voteranno l'11 giugno

Gli italiani al voto. (foto Agi) ndr.

di Redazione

ROMA, 26 APR. (AGI) - Sono poco meno di 9 milioni e 300 mila gli italiani interessati dalle prossime elezioni amministrative: l'appuntamento con le urne è fissato per domenica 11 giugno,roma tranne che in Valle d'Aosta e Trentino Alto Adige dove si è scelto di votare il 7 maggio. I Comuni coinvolti - secondo gli ultimi dati forniti dal Viminale - sono 1.027, di cui 864 sino a 15 mila abitanti e 163 con più di 15 mila abitanti. Venticinque i Comuni capoluogo (Alessandria, Asti, Cuneo, Como, Lodi, Monza, Belluno, Padova, Verona, Gorizia, Genova, La Spezia, Parma, Piacenza, Lucca, Pistoia, Frosinone, Rieti, L'Aquila, Lecce, Taranto, Catanzaro, Palermo, Trapani e Oristano), otto le città con oltre 100 mila abitanti (Genova, Monza, Padova, Palermo, Parma, Piacenza, Taranto e Verona). Gli aventi diritto al voto sono distribuiti in 10.952 sezioni. Quando i ballottaggi Nelle regioni a statuto ordinario e in Friuli Venezia Giulia, Sardegna e Sicilia il turno di ballottaggio è previsto per domenica 25 giugno. Nei Comuni sino a 15 mila abitanti in caso di parità di voti tra candidati alla carica di sindaco si procede al turno di ballottaggio tra i due che hanno ottenuto il maggior numero di voti. Nei Comuni con oltre 15 mila abitanti si procede al ballottaggio se nessun candidato sindaco ha ottenuto la maggioranza assoluta: al ballottaggio sono ammessi i due candidati che al primo turno hanno ottenuto il maggior numero di voti. In questo caso, entro sette giorni dalla prima votazione gli ammessi al ballottaggio possono dichiarare il collegamento con ulteriori liste rispetto a quelle con le quali erano gia' collegati al primo turno. La prima volta di Mappano Dovrebbero essere le prime elezioni per Mappano (Torino), comune nato nel 2013 per distacco dai Comuni di Caselle Torinese, Borgaro Torinese, Settimo Torinese e Leinì e sospeso fino al febbraio scorso per un ricorso presentato al Tar proprio da Settimo. Il condizionale è d'obbligo perché nei giorni scorsi nuovi ricorsi sono stati presentati da Borgaro e Leini' e il rendez vous con le urne di conseguenza è a rischio. Prima volta anche per 9 Comuni istituiti quest'anno per fusione amministrativa. A Biello (Bergamo) spetta il record di comune piu' piccolo: 76 abitanti. Liste e collegamenti Nei Comuni sino a 15 mila abitanti ciascuna candidatura alla carica di sindaco è collegata ad una lista di candidati alla carica di consigliere comunale mentre nei Comuni con oltre 15 mila abitanti ciascun candidato alla carica di sindaco deve dichiarare, all'atto della presentazione della candidatura, il collegamento con una o piu' liste presentate per l'elezione del consiglio comunale. In entrambi i casi, le liste dei candidati devono essere formate in modo tale che ciascun genere non sia rappresentato in misura inferiore ad un terzo né superiore a due terzi dei candidati. I termini per le candidature La presentazione delle candidature alla carica di sindaco e delle liste di candidati alla carica di consigliere comunale deve essere effettuata dalle 8 del trentesimo giorno alle 12 del ventinovesimo giorno antecedente la data del voto. L'esame e l'ammissione delle candidature spetta alla commissione elettorale circondariale, che decide nelle 24 ore successive alla presentazione delle liste. Contro l'esclusione è possibile il ricorso al Tar. Simboli: istruzioni per l'uso Il contrassegno di lista non deve essere identico o comunque non deve confondersi con quelli di altre liste già presentate. Vietato l'uso di "immagini o soggetti di natura religiosa", di "simboli propri del Comune", di "denominazioni, simboli o marchi di società (anche calcistiche) senza apposita autorizzazione all'uso" da parte della societa' in questione, nonché di "espressioni che facciano riferimento ad ideologie autoritarie" come fascismo, nazismo, nazionalsocialismo e simili.






Nessun commento