Ultim'Ora

Renzi apre agli scissionisti sulla legge elettorale

Matteo Renzi. (foto Agi) ndr.

di Redazione

ROMA, 11 APR. (AGI) - Capilista bloccati, larghe intese, legge elettorale, M5s, Consip e governo Gentiloni. Ecco l'intervento di Matteo Renzi a Porta a Porta in sei punti. 

Cancellare i capilista bloccati 

Aspettando la mossa del 'fronte del No', Matteo Renzi, ospite da Bruno Vespa, apre alla possibilità di togliere dal tavolo della legge elettorale i capilista bloccati. "Sono assolutamente d'accordo", dice a Porta a Porta. Quello dei capilista bloccati è un punto del vecchio Italicum rimasto in piedi dopo il pronunciamento della Corte Costituzionale che ne ha smantellato l'impianto. Ed è anche il punto contro il quale si battono da tempo gli scissionisti di Mdp che, a pochi minuti dalle parole di Renzi, definiscono un "atto di civiltà democratica" la cancellazione dei capilista bloccati. "Articolo 1 - Mdp si batterà per questo", promette Roberto Speranza. 

Si tornerà alle "larghe intese" 

L'altro punto spazzato via dalla Consulta è stato il ballottaggio: "Lo hanno tolto perché non c'è una soglia minima. E va bene, la soglia si può inserire. Ma il problema è che il ballottaggio funziona se c'è una sola Camera". La conseguenza è che, con ogni probabilità, si andrà incontro a una impasse per superare la quale serviranno delle intese larghe. Ma a tutto c'è un limite e, quando Bruno Vespa ipotizza una alleanza con Salvini, Renzi salta sulla sedia: "Che c'entra Salvini, siamo due campi opposti". L'apertura di Renzi, di certo, rimette benzina a un dibattito che si era spento di recente e sembrava definitivamente accantonato dopo l'incidente del Senato, con l'elezione del candidato di Ncd a presidente della Prima Commissione, quella dalla quale passa la legge elettorale, al posto del candidato Pd. 

Legge elettorale? Noi una proposta l'abbiamo fatta ma ce l'hanno bocciata 

"Io sono disponibile al Mattarellum, all'Italicum, alla proposta dei Cinque Stelle, di Forza Italia, della Lega. Posso chiedere a loro di fare la proposta, visto che Grillo, Berlusconi, Salvini e la sinistra radicale hanno eletto il presidente della Commissione al Senato? Noi la nostra proposta l'abbiamo fatta e ce l'hanno bocciata". Il riferimento è al Mattarellum che il Pd ha sottoposto agli altri partiti senza riceverne risposta positiva. Ora, di fronte allo stallo, anche dal Pd arrivano appelli ad abbandonare la pista del Mattarellum. E' il caso di Andrea Orlando, avversario di Renzi in questa fase congressuale, per il quale "chi insiste sul Mattarellum vuole andare a votare con il proporzionale" con il rischio "di ritornare alle larghe intese o all'impossibilità di formare un governo per mesi come accaduto in Spagna". Renzi assicura però che non è sua intenzione affrettare il voto: "Anche se vinco alle primarie del 30 aprile non chiederò di andare al voto a ottobre", spiega. 

Il governo Gentiloni sta facendo cose importanti per l'Italia 

Il governo Gentiloni "sta lavorando bene", sottolinea ancora l'ex presidente del Consiglio, "è un governo che sta facendo un sacco di cose importantissime per l'Italia". E passa a citare casa Italia, il Piano Periferie, progetti annunciati durante i mille giorni di governo Renzi e che "questo governo ha firmato". Renzi è pronto anche a scommettere che nel 2017 il Paese crescerà più delle attese grazie alle politiche improntate alla crescita messe in campo dal suo governo. Politiche che rischierebbero di essere vanificate nel caso si tornasse a fare leva sull'imposizione fiscale per rimettere a posto i conti: "L'Italia c'è ed è più forte di quello che si dice. Abbassare le tasse, ridurre la burocrazia, lottare contro l'evasione fiscale è l'unico modo per il rilancio del Paese", mette nero su bianco nella sua Enews. D'altra parte, spiega, "abbiamo lasciato un tesoretto da 47 miliardi", rappresentato dal Piano Nazionale per le Riforme. Altro che buco: "non c'è alcun buco da tre miliardi. E' una fake news". Come quelle che "devastanti che Grillo gode a mettere in giro". E' accaduto anche con il caso Consip di cui, in queste ore, emergono nuovi dettagli. 

"Ho chiamato mio padre che ha pianto" 

L'indagine sul capitano del Noe accusato di aver falsificato le carte dell'inchiesta è stata appresa da Renzi attraverso le agenzie. L'ex presidente del consiglio ha chiamato suo padre, "che ha pianto". Perché, spiega, "un uomo di 65 anni si è trovato in mezzo a una cosa grossa". Una cosa che passa come un uragano su una famiglia: "Per questo ora voglio tornare a casa e portare i nipotini a cena dal nonno", dice Renzi lasciando gli studi Rai. Non viene meno, però, la "fiducia nella magistratura e nei carabinieri. Io rivendico la parola onestà", aggiunge in riferimento allo slogan dei Cinque Stelle. Le parole su Tiziano Renzi che Grillo affidò al blog, però, non si dimenticano: "Si vergogni", è tornato a dire Renzi sottolineando ancora una volta la "doppia morale" pentastellata, inflessibile con gli avversari e accomodante quando nell'occhio del ciclone finiscono i grillini. 

Affondo su M5S, se poi gli italiani "vogliono votare per chi insegue sirene e scie chimiche"... 

E' il Movimento l'avversario da battere oggi. La discesa in campo di Davide Casaleggio e accolta con ironia da Renzi che parla di scelta dinastica del leader a cui il Pd contrappone la democrazia delle primarie. E se poi gli italiani "vogliono votare per chi insegue sirene e scie chimiche", c'è solo da accettare la scelta. Quello che è sicuro è che i conti non tornano, almeno sul reddito di cittadinanza: "Ha un valore che oscilla tra i venti e i 96 miliardi l'anno e vogliono coprire la spesa con cento milioni".






Nessun commento