Ultim'Ora

Calcio. Il Foggia pareggia a Cosenza e saluta la Lega Pro

FAbio MAzzeo. (foto com.) ndr.

di Mario Schena 

FOGGIA, 7 MAG. - Ultimo atto di un campionato che ha visto il Foggia dominare il Girone C in lungo e in largo. Il Cosenza ci teneva a vincere per migliorare la sua posizione nella griglia play-off. E’ finita in parità due a due con i rossoneri che agguantano il pari sui titoli di coda dopo essere stati in svantaggio di due gol. Foggia con numerose assenze. Deli non convocato perché ancora acciaccato, mentre hanno iniziato in panchina Agnelli, Vacca, Chiricò, e Rubin, tutti diffidati e con loro anche Guarna e Coletti. Ha diretto Nicolò Marini della sezione di Trieste, coadiuvato da Cosimo Cataldo di Bergamo e Giovanni Manara di Mantova. Primo tempo giocato al piccolo trotto. 
Il Cosenza puntava su una prestazione d’orgoglio sia per chiudere con una vittoria davanti al suo pubblico e sia per migliorare la posizione nella griglia play-off. Al quinto il Cosenza va alla conclusione con Mendicino che però manda fuori. Passa un quarto d’ora di nulla e il Cosenza va ancora al tiro con Criaco che impegna Sanchez. Dopo due minuti va vicino al gol Mazzeo con un diagonale costringe Saracco alla parata con il piede. Alla mezz’ora ancora un grande intervento del portiere calabrese su conclusione di Sarno leggermente deviata da un difensore. Dal vantaggio sfiorato dal Foggia al gol dei padroni di casa che sfruttano la ripartenza di Mendicino che serve in area l’ex Letizia che si avventa sulla sfera e batte il portiere rossonero. Il Foggia reagisce e va al tiro con Agazzi dopo una bella azione di Sarno. A tre minuti dal riposo Saracco deve impegnarsi in un gran intervento su tiro di Sarno e dopo un minuto il portiere rossoblù respinge una conclusione ravvicinata di Mazzeo e sulla palla che si impenna arriva Sarno che la devia verso la porta, ma sulla linea salva un difensore del Cosenza. 
Due minuti di recupero e tutti negli spogliatoi. Ripresa allo stesso ritmo della prima parte della gara e che vede il Cosenza raddoppiare con un tiro da venticinque metri di Corsi sul quale Sanchez si tuffa, forse con un leggero ritardo. Al quarto d’ora il Foggia va vicinissimo al gol prima con Sarno che ricevuta palla in area si gira e colpisce il palo alla destra di Saracco che sfiora la sfera, sulla ribattuta Di Piazza tira a colpo sicuro, ma Saracco si supera parando ancora. Il Foggia però accorcia al ventesimo con Mazzeo che segna la sua ventunesima rete tirando dal limite e, con la collaborazione di un difensore rossoblù che tocca la sfera e inganna il suo portiere. Il Foggia cerca il pari, ma senza dannarsi l’anima e seppur giocando senza spingere eccessivamente sull’acceleratore va vicinissimo al pareggio con Di Piazza che da due metri stampa sul palo un pallone servitogli da Pompilio. 
Sembra finita, vengono assegnati tre minuti di recupero che il Cosenza sembra dare l’impressione di gestire senza subire danni, ma non fa il conto con il “cobra” Mazzeo che servito da Di Piazza incorna tutto solo davanti alla porta siglando il pareggio. Triplice fischio e tutti a casa. Play-off per il Cosenza, serie B per il Foggia che ora punterà a vincere la Supercoppa di Lega che lo vedrà opposto al Venezia e alla Cremonese, le altre due vincenti rispettivamente del Girone A e B.



Nessun commento