Ultim'Ora

Triggiano (Ba). Scoperta dai cc. centrale dello spaccio in un box condominiale [CRONACA DEI CC. ALL'INTERNO] [VIDEO]

LA droga sequestrata. (foto cc.) ndr.
Cinque arresti dei carabinieri e un chilo e mezzo di droga sequestrata

di Redazione

TRIGGIANO (BA), 17 MAG. (Comunicato St.) - Nella tarda serata di ieri, a Triggiano (BA), i Carabinieri della locale Compagnia hanno fatto un blitz all’interno di un box garage di pertinenza di un condominio di viale Gramsci, sorprendendovi cinque giovani del luogo seduti intorno ad un tavolo, intenti a confezionare in dosi della sostanza stupefacente del tipo marijuana. Da tempo i cinque giovani erano tenuti sotto controllo dai Carabinieri e con il blitz di ieri è stata smantellata una vera e propria centrale di spaccio, presso la quale venivano effettuate le operazioni di suddivisione di ingenti quantitativi di stupefacente divisi in dosi pronte da immettere nell’illecito mercato locale. La perquisizione ha infatti permesso di rinvenire all’interno del box circa un chilo e duecento grammi di sostanza stupefacente di marijuana, di cui 300 grammi già suddivisi in 160 dosi pronte per lo smercio, appena confezionate dai cinque giovani. L’ulteriore attività di ricerca ha consentito di rinvenire anche un ingente quantitativo di materiale per il confezionamento della droga, nonché di accertare la presenza di una telecamera posta all’ingresso del box garage che consentiva agli spacciatori di vedere chi si apprestava ad accedere al box. I cinque giovani, tutti triggianesi di età compresa tra i 22 e i 30 anni sono stati arrestati in flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e su disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Bari, sottoposti al regime degli arresti domiciliari. 

SAMMICHELE DI BARI (BA): IDENTIFICATO E DENUNCIATO UNO DEI DUE RAPINATORI DELLA SALA GIOCHI “VIDEOLOTTERY” 

I Carabinieri della Stazione di Sammichele di Bari in stretta collaborazione con quelli della Stazione di Cellamare (BA) sono riusciti a risalire all’autore della rapina consumata il 17 febbraio scorso presso la sala giochi “videolottery” di Sammichele di Bari. Quella sera, due uomini, con il volto in parte travisato, uno dei quali armato di una “mazza da baseball”, hanno fatto irruzione nel locale, colpendo violentemente il gestore, tanto da procurargli lesioni guarite in una decina di giorni, riuscendo ad impossessarsi dell’incasso, pari ad €. 14.000 ed a fuggire. La visione del filmato, recuperato dalle telecamere a circuito chiuso della sala giochi, ha consentito di estrapolare alcuni fermo-immagine dei malfattori e a dare un volto ad uno dei due rapinatori. Le successive ricerche del rapinatore “scoperto” hanno consentito di risalire ad un 26enne, incensurato di Cellammare. I militari, acquisiti i riscontri del caso, hanno quindi eseguito una perquisizione presso l’abitazione del giovane rinvenendo, occultati nell’armadio, gli stessi abiti indossati la sera della rapina, inoltre, il giovane, messo alle strette circa le sue responsabilità, pur non rilevando al momento l’identità del suo complice, ha ammesso spontaneamente tutte le accuse che lo riguardavano e ha consentito ai Carabinieri di rinvenire nelle compagne di Cellamare la mazza da baseball utilizzata per colpire il gestore e per commettere il colpo. Il G.I.P. del Tribunale di Bari, dott.ssa A. Piliego, avvalorando l’attività svolta dai Carabinieri, coordinati dal Sost. Proc. Dott. Giuseppe Dentamaro della locale Procura della Repubblica, ha emesso la misura cautelare dell’obbligo di dimora nei confronti dell’accusato. Il complice ha le ore contate.



Nessun commento