Ultim'Ora

Bari. Carabinieri. Controlli straordinari disposti dal comando provinciale a Japigia, Libertà, San Paolo e Enziteto [CRONACA DEI CC. ALL'INTERNO] [VIDEO]

Controlli straordinari dei cc. a Bari. (foto cc.) ndr.
Arrestato a Japigia pregiudicato. Aveva con sé una pistola pronta a sparare

di Redazione

BARI, 24 GIU. (Comunicato St.) - Controlli straordinari disposti dal Comando Provinciale a Japigia, Libertà, San Paolo e Enziteto. Arrestato a Japigia pregiudicato. Aveva con sé una pistola pronta a sparare. Negli ultimi mesi il quartiere Japigia di Bari è stato teatro di efferati omicidi e fatti delittuosi che hanno coinvolto, a vario titolo, esponenti, anche di spicco, della locale criminalità organizzata. I controlli, che già erano asfissianti, sono stati così ulteriormente intensificati da parte del Comando Provinciale Carabinieri di Bari, con martellanti servizi di pattugliamento, che hanno consentito di conseguire ragguardevoli risultati operativi, nell’ambito dei quali si colloca, appunto, l’arresto operato, alle 7 di sera di martedì, dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Bari Centro. I recenti, massicci servizi preventivi, eseguiti anche con il concorso dei militari dell’XI Battaglione CC Puglia, come disposto dal Comando Generale di Roma, non hanno tuttavia riguardato il solo quartiere Japigia, ma si sono estesi in tutta la città. Con particolare concentrazione sui quartieri Libertà, San Paolo e Enziteto. I Carabinieri, impegnati in uno specifico servizio di controllo del territorio, hanno arrestato CAMPANALE Riccardo, 23enne del quartiere Japigia, pregiudicato per reati inerenti gli stupefacenti, ritenuto “vicino” ad esponenti di spicco della criminalità organizzata barese, poiché resosi responsabile del reato di detenzione e porto illegale di arma, di fabbricazione estera, e relativo munizionamento. In particolare, lo stesso, dopo aver parcheggiato la propria autovettura, è stato notato aggirarsi, con atteggiamento circospetto e guardingo, nei pressi della zona attenzionata, probabilmente in attesa di qualcuno. Insospettiti dall’atteggiamento equivoco, i militari lo hanno sottoposto ad un approfondito controllo di polizia, durante il quale ha manifestato, sin da subito, evidenti segnali di nervosismo ed insofferenza. Ed in effetti, nel corso della successiva perquisizione veicolare, è stata rinvenuta, appoggiata a vista in un alloggiamento del cruscotto alla destra del quadrante di guida, una pistola marca “HS”, di origine croata, calibro 9x19, con cane armato, caricatore inserito contenente 11 colpi, cal. 9 mm Luger, di cui uno in canna. Insomma, una pistola pronta a sparare e a “portata di mano”. L’arma, immediatamente messa in sicurezza dai Carabinieri, nei prossimi giorni, sarà sottoposta a tutti i necessari accertamenti balistici, poiché non si esclude che sia stata adoperata in recenti fatti di sangue. Dopo le formalità di rito, è stato associato presso la Casa Circondariale di Bari, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Intanto, le indagini si stanno concentrando su chi stesse aspettando e perché, ma sta di fatto che il tempestivo intervento dei Carabinieri ha, con tutta probabilità, scongiurato un grave ed efferato delitto.


 
Arrestato uomo per minaxxe di morte alla coniuge. (foto cc.) ndr.

NOICATTARO (BA): MINACCIA DI MORTE LA MOGLIE E TENTA DI SFUGGIRE AI CARABINIERI: ARRESTATO 

I Carabinieri della Stazione di Noicattaro hanno tratto in arresto in flagranza di reato un uomo, già residente a Noicattaro ed ivi coniugato. Nella serata di ieri, al termine degli accertamenti dell’Arma, è emerso dalle parole della donna un quadro allarmante caratterizzato da una lunga sequela di minacce di morte ed aggressioni fisiche e psicologiche subite. È stata la minaccia di morte rivoltale dal coniuge ieri sera a far difatti rendere conto la donna della intollerabilità della situazione. E di lì la richiesta di intervento ai militari dell’Arma che, intervenuti presso il domicilio, hanno immediatamente appreso una situazione di maltrattamenti perdurante da anni tra quelle stesse mura domestiche ove si trovavano. Le immediate ricerche dell’uomo, allontanatosi dall’abitazione prima dell’arrivo della pattuglia, hanno permesso di rintracciarlo qualche ora più tardi nelle vie del comune nojano in sella ad un ciclomotore. L’atteggiamento dell’uomo nei confronti degli stessi operanti si è dimostrato sin da subito poco collaborativo, talché, alla vista della pattuglia dell’Arma e del militare che intendeva avvicinarsi, lo stesso aumentava l’andatura del ciclomotore e, nel tentativo di impedire al militare di scendere, urtava la portiera contro il Carabiniere che, malgrado le lesioni riportate, si poneva all’inseguimento a piedi riuscendo a bloccare il malfattore, rivelatosi violento anche nei confronti dei militari. Lo stesso, una volta bloccato ed arrestato, è stato tradotto, su disposizione della Procura della Repubblica di Bari, presso la Casa Circondariale di Bari.



Nessun commento