Ultim'Ora

Taranto. Comunali 2017: non vola il M5S e la città vota ancora Cito

Fac Simile della scheda elettorale di Taranto (foto com.) ndr.
Al ballottaggio Baldassari e Melucci


di Luciano Manna

TARANTO, 12 GIU.
 – Taranto torna al voto e ha scelto il suo sindaco tra dieci candidati in corsa verso Palazzo di Città con l'affluenza del 58.51% pari a 98726 votanti su 168695 aventi diritto.  I dati ufficiali del Ministero, 191 sezioni scrutinate su 191, portano la candidata della coalizione di centrodestra, Stefania Baldassari, al 22.27%, segue il candidato del centrosinistra, Rinaldo Melucci al 17.92%. Non sembrano proiettate verso il ballottaggio sia la lista del M5S che ha visto convogliare nelle proprie fila gli esponenti del Comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti che quella della Lega d’Azione Meridionale. 12.46% per Cito, 12.43 per Nevoli. Mentre il dato del M5S appare come un buon risultato per la lista di Mario Cito, al momento la lista singola più votata dopo quella del PD, lo stesso numero non soddisfa le aspettative della lista pentastellata. La coalizione ambientalista capitanata da Vincenzo Fornaro arriva a 9.76%, segue al 9.25% Sebastio, all'8.19% Bitetti, al 3.60% Brandimarte, al 2.97% Romandini, 1.11% per Pino Lessa.

Interessanti anche i dati di preferenza alle singole liste. La lista che a Taranto ha ricevuto più voti e quella del PD con 10422 voti seguita, immediatamente dopo, da quella di AT6 Lega d'Azione Meridionale con 9561 voti. Terza lista con più preferenze è quella pentastellata con 8797 voti.



Nessun commento