Ultim'Ora

Andria (Bat). Blitz dei carabinieri nel “garage della droga”: arrestato un insospettabile

La droga sequestrata. (foto cc.) ndr.

di Redazione

ANDRIA (BT), 24 LUG. (Comunicato St.) - L’attività antidroga dei Carabinieri della Compagnia di Andria ancora una volta ha consentito di inferire un duro colpo al mercato della marijuana nel Comune federiciano. L’altra sera, infatti, nel corso dei mirati servizi predisposti per il contrasto alla illecita attività dello spaccio di sostanze stupefacenti in area urbana, i militari del Nucleo Operativo hanno arrestato S.R., 25enne, operaio andriese, incensurato. Erano diversi giorni che i militari avevano concentrato le proprie attenzioni sul garage del giovane andriese, ritenendo che, per quanto insospettabile, potesse detenervi un notevole quantitativo di sostanza stupefacente. Il meticoloso ed articolato lavoro svolto dagli investigatori nei giorni precedenti, infatti, li ha indirizzati proprio in quel luogo, ovvero una via centralissima di Andria. Proprio lì i Carabinieri della locale Stazione e dell’Aliquota Radiomobile avevano individuato un curioso viavai di giovanissimi. 
Al controllo, molti di loro venivano trovati in possesso di modiche quantità di marijuana che evidentemente acquistavano da un pusher che agiva nelle vicinanze. E’ stato quindi predisposto, per tale motivo, un servizio in abiti civili, dai militari del Nucleo Operativo e della Stazione, che si appostavano nelle immediate vicinanze del citato garage ed iniziavano a monitorare attentamente quanto accadeva. Dopo una non breve attesa, notavano il giovane S.R. uscire dalla propria abitazione per recarsi nel locale dove, in una intercapedine ricavata tra la propria autovettura ed il muro di cinta, protetta da una porta in ferro, controllava il contenuto, occultando nello stesso tempo alcune buste in plastica. Senza ulteriori indugi, appena ne hanno avuto l’opportunità, i Carabinieri sono usciti allo scoperto e lo hanno bloccato, cogliendolo letteralmente con “le mani nel sacco”, ed effettuando, di conseguenza, un’oculata perquisizione nei locali: nell’intercapedine, celati da buste in plastica e da cartoni, venivano rinvenuti ben 750 grammi di sostanza stupefacente del tipo marijuana ed un bilancino di precisione. La perquisizione personale ha consentito di recuperare la somma contante di 735,00 euro presumibile provento dell’attività illecita. Dallo stupefacente sequestrato, infatti, l’operaio poteva arrivare ad un indotto di alcune migliaia di euro. 
In considerazione della modalità di occultamento della sostanza stupefacente, non destinata ad un uso esclusivamente personale, e del denaro posseduto, S.R. è stato arrestato per spaccio e detenzione di droga, finendo agli arresti domiciliari, a disposizione della Procura di Trani.



Nessun commento