Ultim'Ora

Bari Japigia. Arrestati dai carabinieri due giovani con mezzo chilo di “marijuana” dopo un pericoloso inseguimento [CRONACA DEI CC. ALL'INTERNO]

Controlli dei cc. a Bari. (foto cc.) ndr.

di Redazione

BARI, 7 LUG. (Comunicato St.) - I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Bari Centro hanno arrestato il 19enne A.F. e il 17enne M.C., poiché resisi responsabili del reato di detenzione in concorso ai fini di spaccio di un ingente quantitativo di sostanza stupefacente e di resistenza a Pubblico Ufficiale. I militari, nel corso di un servizio di pattugliamento nel quartiere Japigia, finalizzato a contrastare il recrudescente fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, hanno notato i due soggetti, a bordo di un ciclomotore, percorrere Viale Japigia a velocità molto sostenuta. Immediatamente, è stato intimato loro l’alt per effettuare un regolare controllo, tuttavia, gli stessi, incuranti dell’ordine ricevuto, si sono dati a precipitosa fuga dando luogo ad un inseguimento durato un paio di km. All’altezza di via dei Bersaglieri, il conducente del ciclomotore ha lasciato cadere a terra una busta, immediatamente recuperata, al cui interno vi era ben mezzo chilo di “marijuana”. I due, vistisi braccati, poco dopo, sono stati costretti ad interrompere la loro fuga. In ragione delle evidenti finalità di spaccio a cui l’elevato quantitativo di droga recuperato era destinato, A.F. e M.C. sono stati tratti in arresto. Per il maggiorenne, su disposizione della competente A.G., sono scattati gli arresti domiciliari, mentre il minorenne, tra l’altro già gravato da precedenti specifici, su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Bari, è stato tradotto presso l’Istituto di Prima Accoglienza Minorile “Fornelli”. 

La droga sequestrata. (foto cc.) ndr.
BISCEGLIE (BT): DUE ARRESTI DEI CARABINIERI. SCOPERTO UN DEPOSITO CON OLTRE 10 KG. DI DROGA “CUSTODITO” DA UN 67/ENNE E ARRESTATO UN SORVEGLIATO SPECIALE PER FURTO DI ENERGIA ELETTRICA

I Carabinieri della Tenenza di Bisceglie, operando in collaborazione con il Nucleo Cinofili di Modugno (BA) ed alcune unità di rinforzo della Stazione di Trani (BT), hanno condotto due distinte operazioni antidroga al termine delle quali hanno arrestato un 43enne ed un 67enne, entrambi già noti alle forze dell’ordine. Le operazioni di servizio, consistite in mirate perquisizioni domiciliari con l’ausilio dell’unità cinofila, scaturite da una pregressa attività info-operativa, sono state avviate alle prime ore di ieri mattina ed hanno riguardato un’area del centro storico e la periferia cittadina sulla via per Andria (BT). Nel primo caso l’attenzione degli investigatori dell’Arma si è concentrata sull’abitazione di un Sorvegliato Speciale con obbligo di soggiorno 43enne, ove si era registrato, nell’ultimo periodo, un intenso via vai di persone che, dopo aver avuto accesso al caseggiato antico, si allontanavano repentinamente facendo perdere le proprie tracce nel groviglio di vicoli del centro. Nonostante l’attenzione inconsueta manifestata da Iax, pastore tedesco dell’unità cinofila antidroga, non è stata rinvenuta alcuna sostanza illecita; tuttavia l’uomo è finito in manette per un allaccio abusivo alla rete elettrica, essendo stato sorpreso ad aver manomesso il contatore e ad assorbire l’energia senza nulla corrispondere al fornitore del servizio. Nel secondo caso, complici anche le elevate temperature estive, gli approfondimenti sono stati eseguiti su segnalazione delle forti esalazioni provenienti da un caseggiato fatiscente in area rurale. All’accesso i militari si sono trovati dinanzi il citato 67enne che, pur tentando di sviare l’attenzione dei militari fornendo alibi di fantasia sulla sua presenza in loco, non è riuscito a nascondere il fortissimo odore di sostanza stupefacente presente all’interno ed all’esterno del casolare. Per il cane pastore Iax è stato un gioco da ragazzi individuare un intero deposito di droghe, ben rifornito sia per quantità che per qualità e consentire il sequestro, celati all’interno di scatoloni, di ben 9 kg di marijuana, 1,5 kg di hashish, 139 gr. di cocaina, 87 gr. di eroina, oltre a materiale per il confezionamento e la pesatura della droga, pronta per essere immesse sul mercato illecito. Al termine delle attività, entrambi gli uomini sono stati arrestati. Il sorvegliato Speciale, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è finito agli arresti domiciliari per furto aggravato e inosservanza delle prescrizioni imposte dalla misura di prevenzione di PS cui è sottoposto; mentre per il 67/enne si sono aperte le porte della Casa Circondariale di Trani, dovendo rispondere di detenzione ai fini dello spaccio di sostanze stupefacenti.



Nessun commento