Ultim'Ora

Barletta (Ba). Due arresti della Polizia esponsabili di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti

Due arresti della Polizia a Bari. (foto P.S.) ndr.

di Redazione

BARLETTA (BT), 21 LUG. (Comunicato St.) - Mercoledì scorso, a Barletta, la Polizia di Stato ha tratto in arresto, in tre distinte operazioni, due giovani incensurati, N.A.A. di anni 18 e D.M. di anni 21, ritenuti responsabili di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, e Diviccaro Ruggiero, 29enne pregiudicato barlettano, destinatario di ordine di carcerazione per carichi pendenti relativi a condanne subite per aver commesso reati di estorsione e rapina. Nell’ambito degli specifici servizi di controllo del territorio mirati a contrastare il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, nella prima periferia della città, all’interno dei quartieri Tempio-Borgovilla e Patalini, i poliziotti del locale Commissariato dio P.S. hanno sorpreso i due giovani nella flagranza del reato di spaccio di sostanze stupefacenti, mentre erano intenti a cedere ad alcuni acquirenti della marijuana in cambio di somme di denaro contante. Sottoposti a perquisizione, i due sono stati trovati in possesso, complessivamente, di 40 dosi di marijuana, materiale per il confezionamento, bilancini di precisione e denaro contante ritenuto provento dell’attività di spaccio. Dopo gli accertamenti di rito, entrambi sono stati associati presso la Casa Circondariale di Trani, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. 

-Contestualmente, all’interno del territorio cittadino, sono stati intensificati i controlli a sale giochi, circoli ricreativi e luoghi di ritrovo di pregiudicati. Durante tale attività è stato rintracciato Diviccaro Ruggiero, 29enne pregiudicato barlettano, destinatario di ordine di carcerazione, emesso dalla Procura della Repubblica di Trani, per l’espiazione di anni 3, mesi 1 e giorni 3 di reclusione, in ordine ai reati di estorsione e rapina. Dopo le formalità di rito l’uomo è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Trani, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.



Nessun commento