Ultim'Ora

Taranto. Visita europarlamentari, incontro con le associazioni. Sindaco assente

  La delegazione degli europarlamentari (foto L.Manna) ndr.
La Commissione Petizioni del Parlamento Europeo in Ilva ed Eni

di Luciano Manna 

TARANTO, 19 LUG. – “Studieremo tutti i documenti che abbiamo ricevuto e rifletteremo su quanto abbiamo visto e ascoltato in questi giorni, per stilare poi una relazione conclusiva della visita della delegazione dopo l’estate - ha sottolineato l’eurodeputata svedese Cecilia Wikstrom, presidente della delegazione e presidente della commissione Petizioni del Parlamento europeo che poi ha proseguito - sia per quanto riguarda l’Ilva che il progetto Tempa Rossa dell’Eni, la tutela della salute, la protezione dell’ambiente, la salvaguardia dell’occupazione e la promozione di una crescita sostenibile sono tutti fattori che devono andare mano nella mano e che non possono essere considerati come componenti separate. Restiamo però convinti di una cosa: l’unica strada per un futuro sostenibile e per cambiare la situazione ambientale e sanitaria a Taranto passa per un maggiore e migliore dialogo con i cittadini. Sarà necessario renderli più partecipi delle decisioni che verranno prese perché tali decisioni li riguardano da vicino. Nello spirito della Convenzione di Aarus, solo una piena partecipazione dei cittadini nei processi decisionali potrà aiutare a ristabilire la fiducia fra tutti gli attori coinvolti e a costruire un futuro migliore per Taranto”. La delegazione della commissione Petizioni del Parlamento europeo ha visitato, il 18 e 19 luglio 2017, l’acciaieria dell'Ilva e la raffineria dell'Eni di Taranto. 
In questi due giorni la delegazione ha anche incontrato i cittadini che hanno presentato le petizioni riguardanti i due impianti e altri rappresentanti istituzionali: nella mattinata di martedì 18 dopo la visita agli impianti nel pomeriggio, presso la Prefettura, si sono svolti gli incontri, sempre in merito all'argomento Ilva, con i rappresentanti di Ispra, Arpa Puglia, Asl ed il Commissario alle Bonifiche; sono seguiti subito dopo gli incontri con i sindacati e con le associazioni: Peacelink, Legambiente, WWF, AIL e Taranto Lider; mercoledì 19 la delegazione ha visitato gli impianti della raffineria ENI di Taranto e nel corso della stessa mattinata, sempre presso la Prefettura di Taranto, si sono svolti gli incontri con il management dell’ENI e con le associazioni Legamjonici, Peacelink e Le Sciaje. 
Alle ore 12.00 si è conclusa la visita della delegazione con la conferenza stampa a cui hanno partecipato tutti gli organi di stampa. Grande assente il neo sindaco di Taranto Rinaldo Melucci (PD) che avrebbe dovuto tenere un discorso alle 11.45, così come da programmazione ufficiale della stessa delegazione. Il sindaco di Taranto non ha incontrato la delegazione ma non si conosce il motivo della mancata presenza istituzionale. Una occasione persa quella di Melucci dove lo stesso avrebbe potuto fare tesoro delle preziose parole dell’eurodeputata svedese Cecilia Wikstrom, presidente della delegazione, circa l'importanza della partecipazione dei cittadini nei processi decisionali. Una "partecipazione" non molto presa in considerazione negli ultimi anni a Taranto da parte della politica nei ruoli istituzionali locali, regionali e nazionali. 
La delegazione della commissione Petizioni del Parlamento europeo era formata dai seguenti membri: Cecilia WIKSTRÖM (ALDE, SV), Angela VALLINA DE LA NOVAL (GUE/NG, ES), Josep-Maria TERRICABRAS (Greens/EFA, ES), Aldo PATRICIELLO (PPE), Andrea COZZOLINO (S&D, IT), Eleonora EVI (EFDD, IT).



Nessun commento