Ultim'Ora

Monopoli (Ba). Due arresti della Polizia per inottemperanza alle prescrizioni del DASPO

Due a rresti della Polizia a Manduria. (foto P.S:) ndr.

di Redazione

MONOPOLI (BA), 23 AGO. (Comunicato St.)  - Nella giornata di ieri, a Manduria, la Polizia di Stato, in particolare i poliziotti del Commissariato di P.S. di Monopoli, ha tratto in arresto due uomini, SCOZZI Tommasino, classe 1980, resosi responsabile dei reati di lesioni personali e rissa e PARATO Lucio Annibale, classe 1985, entrambi residenti a Manduria, con a carico numerosi precedenti penali e di polizia, ambedue inottemperanti alle prescrizioni del DASPO. Nello specifico, la scorsa domenica, al termine della disputa calcistica “Monopoli – Andria”, tenutasi allo stadio di Monopoli, ci sono stati tafferugli della tifoseria del Monopoli, nella zona dello stadio antistante l’uscita del settore “Curva”. A seguito di attività info-investigativa, la ricostruzione dei fatti operata dagli agenti del locale Commissariato di P.S., ha permesso di individuare nello SCOZZI il giovane simpatizzante del gruppo ‘Ultras 1993’ che con un pugno sferrato in viso ha cagionato la rottura del setto nasale ad un altro giovane tifoso. Lo SCOZZI, identificato con certezza anche grazie alle immagini della video sorveglianza, oltre ad avere a carico numerosi precedenti penali e di polizia, è risultato colpito da DASPO del Questore di Taranto con scadenza nell’anno 2020; veniva eseguito a suo carico arresto in flagranza differita come previsto della normativa vigente, nei termini delle 48 ore previste. Lo SCOZZI risponde inoltre di lesioni personali gravi e rissa.

- Nella serata del 21, a Bitonto, la Polizia di Stato ha tratto in arresto C.E., bitontino 27enne con precedenti di polizia, in esecuzione di un Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere emessa dal Giudice per le indagini Preliminari del Tribunale di Bari dr. O. Del Castillo, su richiesta della Procura, in quanto il giovane è stato ritenuto responsabile del reato di tentata rapina aggravata dall’uso delle armi ai danni di una nota farmacia locale, ricettazione di autovettura e lesioni personali. In particolare l’attività, come i persistenti servizi ad “Alto Impatto”, è il naturale sbocco di una più ampia strategia disposta dal Sig. Questore di Bari Carmine Esposito al fine di fronteggiare più efficacemente la criminalità diffusa e microcriminalità nell’intero territorio della provincia. L’attività degli Agenti del Commissariato di P.S. di Bitonto parte dal tentativo commesso da due giovani di rapinare una farmacia non riuscendo nel loro intento a causa del pronto intervento di un dipendente dello stesso esercizio commerciale e dei sistemi elettronici di cui la farmacia era dotata. Infatti i malviventi, con volto travisato e pistola in pugno, tentarono di accedere all’attività trovando però la resistenza del giovane dipendente che nella circostanza riportò alcune lesioni personali. I servizi di polizia giudiziaria e di prevenzione già in atto, consentirono agli agenti di inseguire i malfattori e poi di recuperare nell’immediatezza numerosi elementi probatori a carico dell’odierno arrestato quali l’autovettura utilizzata per la fuga e l’arma, rivelatasi poi una pistola giocattolo. Nonostante la fuga attuata in detta circostanza dai due, le susseguenti attività investigative hanno permesso di raccogliere un’importante quadro probatorio che ha così consentito l’emissione dell’odierna misura cautelare. Su tali premesse, data la concreta possibilità del reiterarsi di condotte simili ed attesa la forte inclinazione a delinquere del giovane, il C.E. veniva condotto presso la Casa Circondariale di Bari a disposizione dell’A.G. procedente.



Nessun commento