Ultim'Ora

Esercito. 74° anniversario della liberazione di BARI

La corona al 51° A.U.C. (foto E.I) ndr.
Il Comandante Militare dell’Esercito in Puglia, Generale Mauro Prezioso, alla Cerimonia commemorativa della liberazione di Bari

di Magg. Mauro Lastella

BARI, 9 SETT. -  Il Comandante Militare territoriale dell’Esercito in Puglia, Generale di Brigata Mauro Prezioso, su delega del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale Danilo Errico, ha deposto una corona d’alloro presso il monumento dedicato al 51° Battaglione Bersaglieri AUC, eretto a Bari a memoria della liberazione della città, avvenuta il 9 settembre del 1943. Il monumento fu realizzato per rievocare i fatti d'arme che coinvolsero la città durante la liberazione, avvenuta per opera di normali cittadini e di militari, tra cui i Bersaglieri del 51° Battaglione. Alla cerimonia, promossa dall’Associazione Nazionale Bersaglieri e patrocinata dalla Regione Puglia e dal Comune di Bari, erano presenti il Vice Prefetto, dottor Alberto Monno, numerose autorità civili e militari e una folta rappresentanza di Ufficiali, Sottufficiali e graduati, oltre alle associazioni combattentistiche e d’Arma. Nel giorno in cui si celebra liberazione di Bari dall’occupazione nazifascista, si commemorano le gesta e il sacrificio di quanti, tra militari e civili, diedero il loro contributo, talvolta estremo, dimostrando l’attaccamento alla città e alla Patria. A rendere ancor più toccante la cerimonia, oltre alla partecipazione della cittadinanza e dei gonfaloni della Regione Puglia, della città di Bari e Bitonto, la presenza di due reduci che parteciparono ai fatti del 9 settembre 43, Pasquale Mininni e Michele Mancini, e del gonfalone di Barletta decorato di medaglia d’oro al valor militare.


Il palco delle Autorità. (foto E.I.) ndr.




Nessun commento