Ultim'Ora

Taranto. XVIII Premio Internazionale “Satyrion per l’Archeologia”

Immagine della rappresentazione (foto D. Lo Cascio) ndr.
di Daniele Lo Cascio

TARANTO, 4 SETT. – Si è tenuta ieri sera, presso l’incantevole scenario dell’atrio del Castello Muscettola a Leporano, la consegna del Premio Satyrion per l’Archeologia, un premio giunto alla 18ª edizione ideato e fondato dal Prof. Luciano Sardiello. L’ambito premio consistente in una realizzazione scultorea dell’artista Aldo Pupino riproducente le sembianze di una statua ritrovata nello stesso sito archeologico di Saturo è andato quest’anno al prof. Carlo Rescigno, noto archeologo che ha condotto studi e le sue ricerche proprio nel sito archeologico di Saturo.Il premio infatti è un riconoscimento all’impegno e al valore scientifico di chi, attraverso l’archeologia, ha nobilitato la storia del nostro passato.

Il comitato scientifico è composto  dall’ Arch. Maria Picarreta, Soprintendente Archeologia, Belle Arti e Paesaggio BR-TA-LE, dal Dott. Luigi La Rocca, Soprintendente Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Bari, dalla dott.ssa Eva Degl’Innocenti, Direttrice del Museo Archeologico di Taranto, dal Prof. Mario Lazzarini, storico dell’Archeologia e dalla prof.ssa Giovanna Bonivento studiosa di Archeologia. Nel corso della serata condotta da Gianni Sebastio e Rosalba De Giorgi sono stati consegnati quattro riconoscimenti Speciali per le Professioni a Antonio Minnelli, regista e attore di teatro, Antonio Tramonte, medico chirurgo e storico della medicina, Giuseppe montanaro, imprenditore e filantropo della cultura, Francesca Cannella, musicologa e storica dell’arte musicale; oltre a una segnalazione di merito artistico al violinista Francesco Greco.



Nessun commento