Ultim'Ora

Bari San Paolo. Rapine al distributore “Esso”. Arrestato dai Carabinieri su O.C.C. un 21enne della zona [VIDEO]

San Paolo. Rapine al distributore “Esso”. Arrestato dai Carabinieri su O.C.C.  un 21enne della zona (foto cc.) ndr.

di Redazione

BARI, 9 NOV. (Comunicato St.) - In serata, i Carabinieri della Compagnia San Paolo hanno dato esecuzione ad una misura di custodia cautelare in carcere emessa dalla locale Procura della Repubblica, a carico di B.P. 21enne, incensurato, resosi responsabile, la notte dell’8 ottobre scorso, di una rapina al distributore di carburanti “ESSO”, sito in Viale Europa del quartiere San Paolo, area di servizio salita alla ribalta della cronaca cittadina, per essere stata colpita sin dall’estate scorsa da numerose rapine. L’ordinanza di custodia cautelare riguarda, nella circostanza, la rapina dell’8 ottobre u.s., ma la posizione di B.P. è al vaglio degli inquirenti per altri eventi analoghi perpetrati al distributore ESSO, nonché per altre rapine consumate al distributore “ERG” che si trova sulla statale 16, sempre al quartiere San Paolo e sempre con la stessa modalità operativa. Le rapine che hanno colpito il distributore “ESSO”, unico nel quartiere a mantenere il servizio di erogazione per 24 ore al giorno, sono state caratterizzate spesso dall’utilizzo di armi e connotate anche da modalità operative tipiche di professionisti organizzati. I Carabinieri del Comando Provinciale di Bari e della Compagnia San Paolo, già dalle prime fasi di intensificazione delle rapine al distributore “ESSO”, avevano dato corso a servizi mirati con pattuglie dedicate sia in borghese che a bordo di autovetture con colori d’Istituto. Oltre ai controlli sul territorio, i Carabinieri avevano parallelamente avviato indagini di Polizia Giudiziaria, tese ad identificare e trarre in arresto i responsabili di questo delitto, che, oltre a condannare l’economia locale, semina il terrore nella cittadinanza e mette a rischio posti di lavoro di cittadini assunti con regolare contratto. 
L’indagine da cui è scaturito l’odierno provvedimento, si è incardinata in un contesto operativo basato sull’analisi puntuale del singolo evento delittuoso e, parallelamente, sul confronto sistematico dei dettagli raccolti da tutti gli altri eventi di rapina, con la finalità di rilevare convergenze o elementi di identità utili alle identificazioni degli autori. Tale modulo operativo è stato senz’altro vincente poiché ha consentito di delineare un contesto che ha condotto dapprima all’individuazione di una rosa di potenziali colpevoli e successivamente all’identificazione di B.P. la cui identità è stata pian piano disvelata dopo la visione di decine di filmati di telecamere di videosorveglianza. L’arrestato, assiduo frequentatore di sale scommesse, la notte dell’8 ottobre scorso veniva fermato da una pattuglia dei Carabinieri della Compagnia San Paolo mentre passeggiava per il quartiere, già lontano dal distributore colpito, nei momenti successivi alla consumazione della rapina. Al momento del controllo B.P. si era già cambiato l’abbigliamento ed aveva abbandonato l’arma utilizzata per commettere il delitto (un taglierino). Tuttavia la presenza in zona dell’indagato, valutata dai militari alla luce del complesso degli elementi raccolti nel corso delle indagini, ha consentito di collegare la presenza del medesimo, alla rapina commessa poco prima e dare corso alla ricostruzione di tutti i movimenti effettuati sia nel tragitto di arrivo verso il distributore che in quello di ritorno verso il quartiere San Paolo. Le attività d’indagine dei Carabinieri non si fermano con l’arresto ma proseguono con la finalità di individuare tutti i responsabili coinvolti.




lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento