Ultim'Ora

Politica. Ecco perché il Pd è in calo. Secondo Matteo Renzi

Matteo Renzi. (foto Agi) ndr.
Il segretario parla con il Corriere della questione banche e delle beghe interne. Con una strenua difesa della Boschi 


di Redazione

ROMA, 19 DIC. (AGI) - "Il mio consenso è in calo perché siamo al governo ma la squadra c'è, saremo il primo partito". Lo dice, intervistato dal Corriere della Sera, il segretario del Pd Matteo Renzi che sul caso banca Etruria sostiene: "Rifarei la Commissione, ma no a capri espiatori, Boschi va candidata". Renzi definisce "preoccupante" il trend in calo del Pd: "Stiamo pagando il fatto che gli altri sono in compagna elettorale mentre noi dobbiamo sostenere la responsabilità del governo e passiamo il tempo a litigare all'interno", ma "siamo già con questi sondaggi negativi il primo gruppo parlamentare - aggiunge - vogliamo essere però il partito più votato. E scateneremo una campagna elettorale a tappeto per farcela". E al ministro Orlando che gli chiede di farsi da parte risponde: "Fossi Andrea mi preoccuperei di darci una mano a cercare voti anziché alimentare polemiche". Nessun pentimento sull'idea della Commissione parlamentare sulle banche, dice "la rifarei domattina. Dobbiamo dividere i risultati del lavoro dalla mistificazione che viene fatta da una parte delle opposizioni e dei media. La Commissione è un bene per il Paese" e per quanto riguarda Banca Etruria, "demagogia è prendere un problema complesso e presentarlo in modo fuorviante ai cittadini indicando un facile capro espiatorio", Elena Boschi sulla candidatura della quale "a gennaio gli organi del partito decideranno: la mia opinione è che si debba candidare, senza alcuna incertezza. I colpevoli li giudicano i giudici, i politici gli elettori".



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento